Iscriviti alla newsletter

Nuovo brand dello Sferisterio: avviso di selezione per un “giovane creativo”. Scadenza presentazione delle candidature 14 gennaio

09 Gennaio 2012

“La lirica può riunire attorno a sé le varie generazioni come mezzo di comunicazione di massa, centrale nella vita della nostra società – afferma il neo direttore artistico Francesco Micheli – Traviata, Bohème, Carmen sono tre titoli per raccontare un’unica storia: la disperata bellezza dell’essere giovani”

L’Associazione Arena Sferisterio di Macerata indice una selezione per un giovane creativo a cui affidare la progettazione della nuova veste grafica della stagione lirica.

Per essere ammessi (la partecipazione deve essere individuale) sono necessarie:

– attitudine alla progettazione grafica e al web design;

– età non superiore ai 40 anni (nati dal 1972 in poi).

Le candidature devono essere inviate entro le ore 12 di sabato 14 gennaio all’indirizzo info@sferisterio.it indicando disponibilità immediata a iniziare la collaborazione ed allegando:

– una breve presentazione professionale;

– segnalazione del proprio sito web, o di un proprio lavoro di progettazione grafica, o di un portfolio.

Il corrispettivo per la progettazione della veste grafica, del logo e per lo sviluppo del nuovo sito web è di Euro 3.000 lordi, più eventuale IVA.

La valutazione delle proposte verrà effettuata dal Direttore artistico.

“Nuova immagine per un Festival nuovo” – ha dichiarato Francesco Micheli, neo direttore artistico della Stagione Lirica 2012, il quale – dopo la condivisione delle linee guida con il Consiglio di Amministrazione – sta definendo le attività del prossimo Festival assieme allo staff dell’Associazione Arena Sferisterio.

Nell’invitare i giovani creativi a partecipare alla selezione, Micheli aggiunge: “Nostro intento è che il Festival di Macerata possa divenire modello per una nuova idea di spettacolo lirico: di grande richiamo, culturalmente avanzato e capace di far dialogare l’opera con le altre forme d’arte. La lirica può riunire attorno a sé le varie generazioni come mezzo di comunicazione di massa, centrale nella vita della nostra società. Traviata, Bohème, Carmen. Tre titoli per raccontare un’unica storia: la disperata bellezza dell’essere giovani.
Ecco il contenuto del Festival che vogliamo. Siamo alla ricerca della forma ideale per esprimerlo, il biglietto da visita di questa terra e della sua vocazione culturale”
.

Una dichiarazione che è anche un’indicazione utile per coloro che intendono partecipare alla selezione.

Carancini e Pettinari: “Partiamo subito bene con il nuovo corso”