scorri per continuare

Macerata Opera Festival 2021

#100×100sferisterio

dal 23 luglio al 14 agosto 2021

1921-2021: a cento anni dalla prima opera andata in scena allo Sferisterio – Aida il 27 luglio 1921 – il Macerata Opera Festival si prepara a un anno di attività celebrative che culmineranno nel cartellone della prossima estate. In programma:

Aida di Giuseppe Verdi

Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini

La traviata di Giuseppe Verdi

AIDA

23 luglio - 1, 7 e 12 agosto 2021
Aida di Giuseppe Verdi in scena al Macerata Opera Festival 2021, a 100 anni dalla prima opera rappresentata allo Sferisterio. Direzione di Francesco Lanzillotta, regia di Valentina Carrasco. (altro...)

Il barbiere di Siviglia

24, 30 luglio - 6, 14 agosto
Il barbiere di Siviglia in scena al Macerata Opera Festival 2021, con un nuovo allestimento che sarà scelto attraverso un concorso internazionale riservato agli artisti under35 in collaborazione con Opera Europa e Rossini Opera Festival. (altro...)

La traviata

25, 31 luglio - 8, 13 agosto 2021
La traviata “degli specchi” ideata nel 1992 (e ripresa poi per altre sette edizioni sino al 2018) da Josef Svoboda e Henning Brockhaus verrà riallestita con nuovi costumi. (altro...)

Banco Marchigiano

insieme a Macerata Opera Festival

Anche per l’edizione #biancocoraggio Banco Marchigiano, Major Sponsor del Macerata Opera Festival, sarà al fianco de Le Notti dell’Opera.

Banco Marchigiano

Per Macerata Opera Festival

Anche per l’edizione #biancocoraggio Banco Marchigiano, Main Partner del Macerata Opera Festival, sarà al fianco de Le Notti dell’Opera.

#biancocoraggio: un festival da ricordare

#biancocoraggio: un festival da ricordare

Dicono di noi

Più di tre settimane di grande musica, spettacolo, meraviglia: ecco il Macerata Opera Festival che quest’anno tornerà dal 20 luglio al 12 agosto, e sarà ancora una volta un pretesto perfetto per tornare in questa città di grande fascino tra le più belle delle Marche.

«Vanity Fair»

Difficile trovare vie di mezzo fra amore e diffidenza in una cifra stilistica tanto netta che non può lasciare indifferenti e regala, indubbiamente, composizioni visive di grande impatto.

Roberta Pedrotti, «L’ape musicale»

Un sontuoso Macbeth verdiano, ancor più emozionante di quando fu proposto nel chiuso dei teatri: è un Macbeth popolare, al quale infatti al platea tributa 15 minuti di applausi, successo che poggia sulla direzione di Francesco Ivan Ciampa e sull’apporto assai consistente degli interpreti.

Enrico Girardi, «Corriere della sera»

Allora “Si può fare!”, come strillava Gene Wilder in “Frankenstein Junior”. S’intende l’opera all’aperto senza cadere nella solita modalità turistico-kolossal-che ci frega tanto l’importante sono le voci. Prendete lo Sferisterio di Macerata. Meraviglioso stadio per il gioco del pallone di Leopardi, con i suoi palchi neoclassici e un soffitto di stelle, da un paio di gestioni a qui offre cartelloni importanti e stimolanti, insomma pensati, con tutto un contorno di incontri, feste, iniziative, notti bianche e chiassi vari che riescono a coinvolgere il pubblico locale e a fidelizzare quello d’importazione. Risultato: il MOF, Macerata Opera Festival, è diventato uno di quelli da non perdere.

Alberto Mattioli, «La Stampa»

News

Le ultime notizie dallo Sferisterio

Iscriviti alla newsletter

Rimani in contatto e ricevi tutti gli aggiornamenti sulla stagione del Macerata Opera Festival

FOLLOW US

seguici sui social network