Iscriviti alla newsletter

Ai concerti della Filamonica della Scala con lo speciale coupon dello Sferisterio

25 Gennaio 2012

In diretta al cinema Multiplex di Macerata in alta definizione la grande musica sinfonica della Filarmonica della Scala, con lo speciale coupon dello Sferisterio che ha aderito al progetto in occasione del trentennale dell’orchestra. Il regista, direttore artistico dello Sferisterio Francesco Micheli, guiderà in esclusiva gli spettatori dei cinema dietro le quinte e nei foyer del Teatro alla Scala raccogliendo interviste con gli artisti, spiegazioni e commenti.

L’Associazione Arena Sferisterio offre la possibilità di assistere in diretta ai concerti della Filarmonica della Scala al cinema Multiplex 2000 di Macerata in alta definizione, grazie alla convenzione con la Filarmonica che porterà la grande musica sinfonica nei cinema nazionali ed internazionali, in occasione del suo trentennale.

L’iniziativa è prodotta da Musicom.it, che progetta e realizza tutte le riprese in HD della Filarmonica, e distribuita da Nexo Digital, la società che ha già portato nelle sale italiane Lang Lang, il Metropolitan e il Bol’šoj.

Primo appuntamento sarà il 26 gennaio con il Boléro di Ravel diretto da Daniel Barenboim e a seguire quattro appuntamenti distribuiti nei cinema di tutto il mondo. In Italia sono 50 le sale cinematografiche che hanno aderito in 14 regioni e da aprile il progetto varcherà i confini nazionali. Nelle Marche, oltre a Macerata, sarà possibile seguire i concerti in diretta a Civitanova, Fabriano e Porto Sant’Elpidio:

“Grazie a questa iniziativa gli spettatori maceratesi avranno l’occasione di vivere un concerto alla Scala in contemporanea con gli spettatori in teatro, osservando da vicino l’orchestra, i passaggi solistici, i gesti e le espressioni del direttore, ascoltando ogni dettaglio con precisione assoluta” – afferma il direttore dello Sferisterio Francesco Micheli, che guiderà in esclusiva gli spettatori dei cinema dietro le quinte e nei foyer del Teatro alla Scala raccogliendo interviste con gli artisti, spiegazioni e commenti. Un’occasione straordinaria di seguire insieme spettacoli e backstage e incontrare esperti e protagonisti dei concerti della Filarmonica della Scala.

clicca qui per scaricare il coupon

clicca qui per scaricare il programma di sala

Il calendario

Giovedì 26 gennaio. Direttore e pianoforte Daniel Barenboim (anteprima speciale dedicata alla sola distribuzione italiana) De Falla Noches en los jardines de España / Ravel Rapsodie espagnole/Alborada del gracioso/Pavane pour une infante défunte/Boléro

Domenica 1 aprile. Direttore Christoph Eschenbach
Mozart Sinfonia n° 41 Jupiter / Brahms Sinfonia n° 1.

Sabato 21 aprile. Direttore Riccardo Chailly. Pianoforte Stefano Bollani
Gershwin An American in Paris / Catfish Row / Concerto in fa

Lunedì 7 maggio. Direttore Andrea Battistoni. Pianoforte Alexander Romanovsky
Franceschini Prima esecuzione assoluta / Rachmaninov Variazioni su un tema di Paganini/ Sinfonia n°2

Lunedì 21 aprile. Direttore Faio Luisi. Painoforte Rafal Blechacz
Gabrieli Tre Canzoni (Trascrizione di Claudio Ambrosini) / Beethoven Concerto per pianoforte n° 4 / Casella Paganiniana / Respighi Feste romane

Il programma

Apre il 26 gennaio il Direttore Musicale del Teatro alla Scala Daniel Barenboim con un omaggio a Ravel che comprende alcune delle pagine più note e spettacolari del compositore francese, incluso il celebre Boléro. Gli spettatori delle sale cinematografiche avranno così occasione di vedere un concerto che oltre che alla Scala sarà replicato alla Salle Pleyel di Parigi e all’Alte Oper di Francoforte

Il 1 aprile uno dei più autorevoli maestri tedeschi, Christoph Eschenbach, già direttore della prestigiosa Philadelphia Orchestra, dirigerà un grande programma classico che include la sinfonia Jupiter di Mozart e la Prima di Brahms: due pagine celeberrime, autentici capisaldi del repertorio sinfonico classico.

Riccardo Chailly e Stefano Bollani hanno scalato le classifiche di tutto il mondo con il loro omaggio a Gershwin ma non c’è dubbio che l’impasto di forme classiche e improvvisazioni jazz del loro programma dia il meglio di sé dal vivo: l’occasione per ascoltarli è il 21 aprile.

Il 7 maggio il giovanissimo direttore italiano Andrea Battistoni, che ha diretto Rigoletto lo scorso anno allo Sferisterio, guiderà la Filarmonica in alcune delle più avvolgenti melodie di Rachmaninov, insieme all’altrettanto giovane pianista Alexander Romanovsky. Un grande programma romantico, dai tratti marcatamente virtuosistici, che vede in apertura un breve pezzo in prima assoluta commissionato dall’orchestra al trentaduenne Matteo Franceschini, il giovane compositore italiano più noto a livello internazionale.

Fabio Luisi è sotto i riflettori dopo la nomina a “Principal Conductor” del Metropolitan di New York: nel suo debutto con la Filarmonica il 21 maggio presenterà, oltre ad un omaggio a Giovanni Gabrieli nel quattrocentesimo della morte, il Quarto Concerto per pianoforte di Beethoven con il giovane prodigio Rafał Blechacz e due pagine sinfoniche italiane di straordinario virtuosismo orchestrale: la travolgente Paganiniana di Alfredo Casella e le Feste Romane di Ottorino Respighi, il cui descrittivismo costituisce un autentico esempio di cinema in musica.

Filarmonica della Scala

Fondata nel 1982 da Claudio Abbado (che diresse il primo concerto il 25 gennaio),

la formazione sinfonica indipendente dei musicisti del Teatro alla Scala celebra la sua trentesima stagione aprendosi a nuovi prospettive e ad un nuovo pubblico. Il rapporto con i media è stato dall’inizio uno dei tratti distintivi della giovane orchestra: tutti i concerti fino al 2005 sono stati trasmessi dalle reti Mediaset; dopo di allora l’orchestra ha autoprodotto in collaborazione con Musicom.it le riprese video dei concerti trasmettendole in televisione sui canali della Rai e Sky Classica e in rete su medici.tv. Infine Radio3 trasmette in diretta la maggior parte dei concerti. Con il la trasmissione nei Cinema si completa quindi un progetto organico per rendere i concerti alla Scala accessibili a prezzi contenuti al pubblico dei diversi media.