Iscriviti alla newsletter

Il Festival OFF regala una nuova estate carica di emozioni

31 Maggio 2013
MACERATA 31/05/13 – Poliedrico, sorprendente, originale. È il Festival Off, che nel 2012 ha segnato l’estate maceratese con uno strepitoso successo di critica e di pubblico, culminato con la Notte dell’Opera che ha portato a Macerata circa 50mila persone. Il programma è stato presentato questa mattina nella sala consiliare del Comune di Macerata dall’assessore alla Cultura Stefania Monteverde, dal vicepresidente dell’Associazione Sferisterio Antonio Pettinari e dal direttore artistico Francesco Micheli. L’opera, terreno naturale di incontro e convergenza tra le arti, dialoga con la letteratura, la filosofia, la musica contemporanea, la canzone, per toccare i confini del sentimento. “Incontri, spettacoli, concerti, mostre, aperitivi, tutti gratuiti – sostiene Monteverde – regalano ancora una volta un’estate appassionante, dalla spiritualità dell’organo alla carica del rock”.
La data di inizio della stagione lirica è il primo luglio con la Festa dell’Opera, al Teatro romano Helvia Recina. “Il Festival rende questo bellissimo territorio un enorme palcoscenico – dice Micheli – e permette di presentare la lirica da tanti punti di vista. Tutto questo riusciamo a realizzarlo grazie a un CdA molto intraprendente e alle numerose associazioni che ci stanno affiancando”.
Due le novità rilevanti di quest’anno: il Festival Off, già ricco di eventi, aggiunge un nuovo tassello nella giornata di lunedì e si rafforza per dimensione anche territoriale delle proposte, uscendo dalla città di Macerata.
Il nuovo format è Lunedì Tournée, composto da spettacoli che debuttano a Macerata, per poi toccare altri Comuni della provincia. “Dopo il successo riscosso lo scorso anno a San Severino Marche – afferma Pettinari – abbiamo scelto di estendere il Festival in tutta la nostra provincia. Un grande coinvolgimento che permette allo Sferisterio di incontrare e appassionare sempre più persone”. Fa parte di questa progettualità “Da Verdi a Mina” (22 luglio), lavoro di contaminazione intorno al melodramma, vero laboratorio di ricerca che evidenzia le analogie e la continuità tra i due generi, evoluzione del progetto nato e rappresentato lo scorso anno; “Teatro dello spirito” (29 luglio), concerto verdiano per voce ed organo, in collaborazione con l’Accademia organistica Elpidiense; e “Il Muro, storie rock di gente da galera” (5 agosto). Questi tre spettacoli debuttano a Macerata il lunedì, mentre il martedì e mercoledì successivi vengono replicati in provincia di Macerata.
Come nel 2012, il Martedì è Young, rivolto alle nuove generazioni. In cartellone il “Nabuccolo” (23 luglio), spettacolo in collaborazione dall’As.Li.Co., associazione che lavora da venti anni nell’ambiente dell’opera, della formazione e dell’istruzione dando vita a diversi progetti di importanza nazionale e internazionale. Il 30 luglio “Viva la banda!”, esibizione dei giovani della Junior band della Fondazione Marchesini, mentre una settimana dopo l’appuntamento è con “Tacea la notte placida”, muri e suoni nel giardino del trovatore, promosso dal gruppo Les Friches, che lavora con i bambini per favorire la creatività, l’attenzione per l’ambiente attraverso innovative tecniche laboratoriali. In programma anche tre film, a pagamento, che Cinemania Estate riserva al Festival Off, sul tema di Muri e Divisioni.
Mercoledì Mania, alla scoperta di chicche e curiosità del mondo musicale. Si inizia il 24 luglio con gli ascolti operistici ad altissima fedeltà, “L’Età dell’Horo”, per passare al 31 luglio con il concerto del Quartetto della Scala che propone il repertorio verdiano in versione cameristico. Questo spettacolo viene realizzato in collaborazione con il festival marchigiano Armonie della Sera. Terzo evento è il recital “Dionilla Santolini, diva inattuale”. Appuntamento il 7 agosto alla scoperta di un dimenticato contralto maceratese, di 200 anni fa.
L’apice del Festival Off è la Notte dell’Opera, molto attesa in questa seconda edizione. Macerata, il primo agosto, si trasforma nella Rocca di Castellor, agitata da una feroce lotta senza esclusione di colpi tra due fazioni, una nera ed una bianca. Tra guerrieri, orchi, streghe, zingari, trovatori, abbattere le divisioni e scrivere un nuovo finale è l’obiettivo di tutta la città e dei partecipanti.
Immancabili i tradizionali appuntamenti, ideale antipasto per conoscere ed approfondire storie, aneddoti e segreti delle opere messe in scena alla sera, degli Aperitivi Culturali, a cura di Sferisterio Cultura, dal giovedì alla domenica, alle 12 agli Antichi Forni e di Pomeridiana, organizzato da Adam (Accademia delle Arti Macerata), dal venerdì alla domenica alle 19, nei cortili ed altre location del centro storico. Il quadro si completa con i “Fiori musicali nel parco di Villa Cozza”, alle 18.
La manifestazione è sostenuta dal Comune e dalla Provincia di Macerata, dalla Regione Marche, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Camera di Commercio di Macerata, dalla Fondazione Carima, dalla Società Civile dello Sferisterio, dal main sponsor Banca Marche, dal world sponsor Giovanni Fabiani e dai major partner Apm e Gruppo Gabrielli. La Notte dell’Opera è realizzata con il contributo di Unicredit. IN FOTO: da sin. Stefania Monteverde, Francesco Micheli, Antonio Pettinari.