Iscriviti alla newsletter

Le storie delle opere appassionano gli studenti

06 Aprile 2016

Grande partecipazione per il progetto Incontra l’opera. Domani mattina Micheli a San Ginesio per le scuole, in serata al Lauro Rossi di Macerata

Sono giovani, giovanissimi, i personaggi delle opere. “Sapete quanti ha il Conte di Luna? – chiede Francesco Micheli agli studenti in teatro -. Ha quindici anni e la sua amata Leonora è un po’ più piccola di lui, diciamo 12-14 anni. Vedete, i protagonisti sono ragazzi come voi, le storie sono racconti che parlano della vita di tutti i giorni, come la vostra”. Il direttore artistico del Macerata Opera Festival cattura come sempre l’attenzione delle ragazze e dei ragazzi che partecipano a Incontra l’opera, il progetto di formazione di nuovo pubblico che, negli ultimi due giorni (5 e 6 aprile), ha fatto tappa al Teatro Lauro Rossi di Macerata.

Gli studenti vengono coinvolti in un viaggio che attraversa le tre opere in cartellone – Otello, Norma e Il trovatore – e che vede avvicendarsi sul palco momenti live con il soprano So Eun Jeon e la pianista Cesarina Compagnoni, a contenuti multimediali, tra film e brevi video. Ma non solo, infatti Micheli chiama a sé, durante la conferenza-spettacolo, anche due ragazzi per interpretare la sfida de Il trovatore tra il Conte di Luna e Manrico: l’opera appassiona anche chi non la conosceva prima di oggi.

Grandi applausi dopo 90 minuti di racconto che invita i giovani alle anteprime di luglio allo Sferisterio, per vedere una grande opera dal vivo. 

E intanto, domani 7 aprile, il direttore artistico sarà di nuovo in scena: la mattina appuntamento al Teatro Leopardi di San Ginesio, mentre alle 21 al Teatro Lauro Rossi di Macerata. La serata di domani, promossa dalle associazioni di categoria CNA, Coldiretti e Confartigianato, è aperta alla cittadinanza (prenotazione obbligatoria) e segue quella realizzata in collaborazione con gli Ordini degli Avvocati, dei Dottori Commercialisti, dei Consulenti del Lavoro e dal Collegio dei Geometri.

Nelle foto il racconto odierno al Teatro Lauro Rossi