Iscriviti alla newsletter

Il flauto magico

Il flauto magico-01

Il flauto magico di Mozart è un Singspiel (cioè un’opera coi dialoghi parlati al posto dei recitativi) che contiene musiche e situazioni che toccano le corde della comicità e del fantastico, del dramma e della morale, mettendo in scena personaggi che possiamo intendere alla lettera ma anche per metafora: così la Regina della notte (quella dell’impressionante aria virtuosistica del secondo atto “Odio d’inferno brucia nel mio core”) può essere sia una madre perfida e vendicativa, sia la personificazione dell’oscurantismo; Papageno può essere sia una creatura dei boschi ingenua, gaia e un po’ fifona (“Io son l’uccellatore”), sia la personificazione delle più semplici e bonarie aspirazioni umane; Tamino (“O immagine di cui mortale / non mai conoscerà l’eguale!”) può essere il tipico cavaliere armato di ogni favola ma anche l’ideale dell’uomo che alla violenza preferisce l’intelligenza e la luce del sapere.

Le date

  • Venerdì 20 LUG ore 21:00
  • Domenica 29 LUG ore 21:00
  • Sabato 4 AGO ore 21:00
  • Domenica 12 AGO ore 21:00
  • Direttore
    Daniel Cohen
  • Regia
    Graham Vick
  • Scene e Costumi
    Stuart Nunn
  • Coreografie (movimenti mimici)
    Ron Howell
  • Disegno luci
    Giuseppe Di Iorio
  • Assistente alla regia e ai dialoghi
    Stefano Simone Pintor
  • Personaggi e Interpreti:
  • Sarastro
    Antonio Di Matteo
  • Tamino
    Giovanni Sala
  • Pamina
    Valentina Mastrangelo
  • Regina della notte
    Tatiana Zhuravel
  • Papageno
    Guido Loconsolo
  • Prima Dama
    Lucrezia Drei
  • Seconda Dama
    Eleonora Cilli
  • Terza Dama
    Adriana Di Paola
  • Papagena
    Barbara Massaro
  • Monostato
    Manuel Pierattelli
  • Oratore/ Primo Sacerdote
    Marcell Bakonyl
  • con la partecipazione di
    100 cittadini

Coproduzione dell’Associazione Arena Sferisterio con il Palau de LesArtes Reina Sofía di Valencia

In collaborazione con Birmingham Opera Company

GRAHAM VICK ALLA SCOPERTA DELLO SFERISTERIO

Nelle foto: il regista Graham Vick, il coreografo Ron Howell e lo scenografo Stuart Nunn insieme al sovrintendente Luciano Messi e alla direttrice artistica Barbara Minghetti