Iscriviti alla newsletter

Tutto esaurito. Sferisterio gremito per la Tosca di Latella

26 Luglio 2005

Si va verso il tutto esaurito. Gli ultimi biglietti stanno scomparendo rapidamente al botteghino. Cresce l’attesa per la serata del 31 luglio. La prima della Tosca allo Sferisterio sempre più sta assumendo le proporzioni di un evento memorabile. Anche l’attenzione della stampa nazionale è stata richiamata dal lavoro che il regista, Antonio Latella, sta svolgendo da oltre un mese a Macerata.
Questo nuovo allestimento, curato da uno dei più autorevoli registi della nuova generazione, ha mostrato una predilezione per i grandi numeri fin dall’inizio. Tempi e modalità di prove assolutamente teatrali: ben 40 giorni ininterrotti al Palazzetto dello Sport. Si è partiti dalla base. Gli interpreti hanno dovuto, infatti, studiare a tavolino le proprie parti. Non ci sarà avvicendamento dei cantanti nei ruoli. Il cast è lo stesso dall’inizio alla fine, proprio per creare una perfetta simbiosi e immedesimazione con i personaggi pensati da Puccini e tradotti sulla carta da Giuseppe Giocosa e Luigi Illica. Il melodramma è stato sviscerato fin nei suoi significati più profondi e nascosti. L’attenta analisi ha spinto il regista ad introdurre nuove figure inedite, in modo da dare corpo al dissidio tra sacro e profano, che costella tutta l’opera: un gruppo di angeli, voce delle coscienze dei protagonisti; una Madonna ammantata di bianco, punto di riferimento imprescindibile di Tosca.
Le prove sono blindate. Mistero assoluto sul terzo atto. Il finale si conoscerà solo tra cinque giorni. Per chi non riuscirà ad assistere alla prima, può scegliere tra quattro repliche: 4, 7, 11 e 14 agosto.