Iscriviti alla newsletter

Nutrire l’anima, successo per la serata benefica a favore della Lega del Filo d’Oro

07 Agosto 2015

La festa marchigiana ideata da Sferisterio e IMT raccoglie il consenso del pubblico che dona 4800 euro all’associazione di Osimo che si sommano all’assegno consegnato sul palco da Germano Ercoli per la costruzione di un’aula di musicoterapia

Successo di pubblico per Nutrire l’anima, la speciale serata ideata in occasione di Expo da Macerata Opera Festival e Istituto Marchigiano di Tutela ViniIMT a sostegno della Lega del Filo d’Oro: all’assegno consegnato da Germano Ercoli, patron del charity sponsor della stagione lirica Eurosuole, si sommano i 4.800 euro raccolti ieri a favore dell’associazione attraverso la vendita dei biglietti e le donazioni spontanee. La serata e la raccolta fondi è stata promossa anche dalla Compagnia delle Opere Marche Sud; Inner Wheel di Macerata; Rotary Club Macerata “Matteo Ricci” e dal Lions Club “Sferisterio” Macerata.

Lo spettacolo di musica e parole – al quale hanno partecipato oltre agli chef stellati Moreno Cedroni, Enrico Recanati, Michele Biagiola e Simone Salvini, più di 400 artisti marchigiani – ha registrato 1500 presenze all’interno dello Sferisterio per celebrare le eccellenze delle Marche sotto il leitmotiv del tema expo “Nutrire il pianeta”. Sold out inoltre per gli assaggi street food, con 1200 persone in piazza Mazzini per degustare i piatti a base di prodotti del polo enogastronomico Food Brand Marche, in abbinamento ai vini IMT.

“Un grande evento in favore di una buona causa – ha commentato Alberto Mazzoni, direttore dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini – che per la prima volta ha visto il mondo agricolo marchigiano protagonista su un palco prestigioso come quello del Macerata Opera Festival. Dieci anni fa sarebbe stato impensabile realizzare un evento che riunisse eccellenze vinicole e agroalimentari, sport e solidarietà sotto il comune denominatore della cultura. Oggi è stato possibile grazie alla lungimiranza del direttore artistico del Macerata Opera Festival, Francesco Micheli, ma anche grazie a un grande lavoro di squadra con i produttori vinicoli, gli chef, l’ambasciatrice del Verdicchio, Elisa Di Francisca, le aziende di Food Brand Marche, Bonvinmarche e TreValli Cooperlat, e tutti gli attori del territorio”.

Per Rossano Bartoli segretario generale della Lega del Filo D’Oro: “È stata una serata molto bella, dai contenuti interessanti ed è stato un onore per noi essere parte di questa festa per celebrare le eccellenze marchigiane. La grande partecipazione del pubblico ci ha commosso. Ringraziamo tutti coloro che l’hanno resa possibile, in modo particolare IMT e Eurosuole, per la sensibilità dimostrata alla nostra causa, e gli artisti che si sono esibiti a titolo gratuito. Partecipare al Macerata Opera Festival, e in particolare alla serata di ieri 6 Agosto, è stata un’ottima opportunità per comunicare ciò che facciamo da 50 anni a favore delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali”. 

Intanto il Festival si avvia alla conclusione con l’ultima rappresentazione di Cavalleria rusticana/Pagliacci, nel nuovo allestimento firmato da Alessandro Talevi e diretto da Christopher Franklin. Prima dello spettacolo, incontro alla Biblioteca Mozzi-Borgetti alle ore 18.30 con le eredi di Pietro Mascagni nel 70° anniversario dalla scomparsa dell’autore di Cavalleria rusticana. Come di consueto giornata di rappresentazione che si apre alle 12 con gli Aperitivi Culturali: da Cinzia Maroni è la volta di Lucrezia Ercoli, mentre alle 17 tornano nel Parco di Villa Cozza i Fiori Musicali. Alle 19 Pomeridiana fa scalo in Germania.