Iscriviti alla newsletter

L’opera verista ritorna sul palco dello Sferisterio

03 Luglio 2015

Fino a domani prove di Cavalleria rusticana e Pagliacci, le nuove produzioni del Macerata Opera Festival firmate da Alessandro Talevi

Macerata 03/07/2015 – Dopo un’assenza lunga 12 anni, ritornano sul palco dello Sferisterio due titoli dalla forte carica emozionale: Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni e Pagliacci di Ruggero Leoncavallo.

Fino a domani sera l’Arena apre le porte alle prove della nuova produzione del Macerata Opera Festival, firmata dal regista Alessandro Talevi, con costumi di Manuel Pedretti e scene di Madeleine Boyd, e diretta dal Maestro Christopher Franklin. 

Nel cast Anna Pirozzi nei ruoli di Santuzza e Nedda e Rafael Davila come Turiddu e Canio. Sul palco per Cavalleria anche Chiara Fracasso ed Elisabetta Martorana, mentre per Pagliacci Pietro Adaini, Marco Caria e Giorgio Caoduro.

Il dittico verista ritorna allo Sferisterio dopo l’ultima lontana apparizione del 2003, firmata eccezionalmente da Massimo Ranieri e diretta dal Maestro Pier Giorgio Morandi.

Intanto, domani 4 luglio, serata a base di opera al Corridomnia Shopping Park. Il nuovo major sponsor del Macerata Opera Festival ha scelto di organizzare una serata di intrattenimento intelligente e popolare con un ingrediente unico: Mamma Opera. 

Si comincia alle 21 con la Salvadei Brass, uno spettacolo itinerante capace di amalgamare il repertorio operistico con le note e la poesia di Paolo Conte e Fabrizio De Andrè. Stessa ora, con replica alle 22, per lo spettacolo de La Luna a dondolo, una narrazione per i più piccoli della vicenda che sta alla base dell’opera La Bohème. Al fine di rendere profondo e autentico il coinvolgimento degli ascoltatori, lo “spazio” destinato allo spettacolo viene allestito con pannelli che hanno il compito di rievocare – attraverso le immagini – la Parigi della storia. 

Alle 22.15 è la volta di Niconote e la Limbo SessionOpera Oriented”, una sorta di djset concerto ogni volta differente. In questa occasione viene seguito il fil rouge delle arie d’Opera, che in parte vengono riprodotte con dischi in vinile, in parte cantate live dall’artista accompagnata anche dal clarinetto e chitarra live. Limbo Session prevede momenti cantati e suonati dal vivo miscelati in diretta nello stile indefinibile che contraddistingue NicoNote e la sua magnetica voce/presenza, con forti momenti di improvvisazione dal vivo. In scaletta brani originali tratti dal suo ultimo album Alphabe Dream, cover da Tuxedomoon, passando dalla Liederistica di Robert Schumann e Gustav Mahler fino all’aria di Didone dall’Opera Barocca di Henry Purcell. Imprevedibili note scaturiscono durante la performance insieme all’effervescente chitarrista e sperimentatore Alfredo Nuti Dal Portone, con lei in questo viaggio di suono e clima non riconducibile ad un genere codificato. Tutti gli spettacoli al Corridomnia sono gratuiti.