Iscriviti alla newsletter

Nutrire l’anima, dallo street food alla festa allo Sferisterio

05 Agosto 2015

Serata marchigiana giovedì 6 agosto con l’aperitivo in Piazza Mazzini con gli chef Biagiola, Recanati e Salvini. A seguire lo spettacolo allo Sferisterio, anteprima della serata in programma l’11 ottobre ad Expo. Serata in favore della Lega del Filo d’Oro

Giovedì 6 agosto si conclude il progetto Genius loci con la “Festa marchigiana, da Sesto Bruscantini a Giacomo Leopardi”, spettacolo che omaggia la “terra delle armonie” legando l’eccellenza dell’opera al mondo dell’enogastronomia.

Ad aprire la sfilata di eccellenze marchigiane è lo street food, a base di prodotti Food Brand Marche, organizzato dall’Istitututo Marchigiano Tutela Vini in Piazza Mazzini a partire dalle 18.30 con gli chef stellati Michele Biagiola, Errico Recanati e Simone Salvini. I tre maestri dell’arte culinaria hanno rielaborato alcuni piatti tipici della cucina marchigiana, con Biagiola che propone una “caprese dai mille colori”, Salvini che serve un “bicchierino salato di fagiolo cannellino” e Recanati che propone il suo “Hamburger di carne marchigiana con maionese di lamponi”. A bagnare il ricco menù proposto da tre dei migliori esponenti della cucina marchigiana, i vini di IMT: Verdicchio, Ribona, San Ginesio, Serrapetrona e Vernaccia di Serrapetrona. Il tagliando per partecipare allo street food è di 10€, ma per chi ha già acquistato il biglietto dello spettacolo allo Sferisterio il costo è di soli 8€.

Alle 21 si aprono i cancelli dello Sferisterio per lo spettacolo “Nutrire l’Anima, festa marchigiana da Sesto Bruscantini a Giacomo Leopardi”, ideato con l’Istituto Marchigiano di Tutela Vini anteprima della serata che Regione Marche e Macerata Opera Festival porteranno ad Expo l’11 ottobre 2015. La serata è realizzata con il contributo di Eurosuole di Germano Ercoli, che conferma il proprio impegno nella veste di Charity Sponsor. Nell’acquisto del biglietto dello spettacolo (€ 12, 22, 32 – in vendita su www.vivaticket.it e presso la biglietteria dello Sferisterio) è compresa una donazione alla Lega del Filo d’Oro, charity partner della 51° stagione lirica. L’obiettivo è di raccogliere i fondi per la realizzazione di un’aula di musico terapia nella nuova sede nazionale di Osimo. Durante la serata il patron di Eurosuole, Germano Ercoli, consegnerà alla Lega del Filo d’Oro un assegno, ulteriore conferma dell’impegno dell’azienda civitanovese.

Sul palco, nella serata dedicata al civitanovese Sesto Bruscantini, il direttore artistico Francesco Micheli e Carlo Cambi, ma anche due madrine d’eccezione, le attrici Lella Costa e Maria Paiato, che leggeranno passi dal Dialogo della terra e della luna e poesie del giovane favoloso di Recanati. Sulla scena Celso Albelo, il Duca di Mantova di Rigoletto, e Alfonso Antoniozzi, allievo pupillo di Sesto Bruscantini, canteranno arie e duetti da L’elisir d’amore. Il soprano Valentina Mastrangelo, vincitrice del concorso Anita Cerquetti 2015, sarà la testimonial della Lega del Filo d’oro e interpreterà arie di Massenet. Ad aprire la serata sarà il pianista Lorenzo Di Bella, musicista dalla carriera straordinaria e vincitore, tra l’altro, di concorsi quali Horovitz e Venezia. Ospite d’onore sarà la campionessa olimpica di scherma Elisa Di Francisca, medaglia d’oro ai mondiali a Mosca. Insieme a grandi nomi saliranno sul palco la Fisorchestra Marchigiana, la Junior Band Marchesini insieme con i cori e i gruppi folkloristici di tutta la Regione: Pistacoppi, La Cocolla, Urbanitas, Quelli dell’Ara, la Mannola, Li Mazzamurelli, la Campagnola, Città di Matelica per una serata che vede più di quattrocento ospiti coinvolti, tra cui settanta mamme con i loro neonati a favore dell’allattamento naturale, grazie alla collaborazione del Dipartimento Materno Infantile di Macerata e oltre cinquanta anziani (il più anziano ha 101 anni) che saranno accompagnati sul palco dai sindaci dei comuni della Provincia di Macerata – grazie alla collaborazione di Anci Marche – per  testimoniare la qualità della vita di una terra meravigliosa.