Iscriviti alla newsletter

In arena si replica con La Traviata degli Specchi

29 Luglio 2012

MACERATA 28/07/12 – La Traviata degli specchi va in scena domani per tornare a sorprendere il pubblico dello Sferisterio. L’opera concepita da Josef Svoboda per il palco maceratese e diretta da Henning Brockhaus si prepara a registrare un nuovo pieno di pubblico, dopo il “sold out” di venerdì scorso. Violetta è il soprano greco Myrtò Papatanasiu, mentre nel ruolo di Alfredo c’è il tenore Ivan Magrì e come Germont padre il baritono Luca Salsi. L’Orchestra Regionale delle Marche è diretta da Daniele Belardinelli. La giornata vive anche al di fuori dell’Arena grazie agli appuntamenti gratuiti del Festival Off, il cui main sponsor è Simonetti. Si inizia alle 12 agli Antichi forni con gli Aperitivi Culturali organizzati da Sferisterio Cultura. Ospiti un medico, Giovanni Danieli, e un architetto, Giuseppe Oresti per parlare di tisi, la malattia di cui muoiono Violetta e Mimì, le protagoniste di due delle tre opere in cartellone al Macerata Opera Festival. La tisi non è stata soltanto una patologia “letteraria”, ma ha avuto un rapporto stretto con le modificazioni sociali ed economiche dell’epoca ed ha cambiato anche l’architettura con la costruzione dei sanatori. Accanto a questa rassegna c’è la proposta di Pomeridiana, a cura di Adam. Appuntamento alle 19 nel cortile di palazzo Buonaccorsi con il reading “Alfredo”, letture di David Quintili accompagnate dal quintetto di fiati, Sing al Brass. E a proposito di palazzo Buonaccorsi, prima della recita allo Sferisterio si può partecipare alla visita guidata della mostra “Violetta, Carmen, Mimì. Percorsi al femminile dallo Sferisterio ai Musei civici di Macerata” (telefonare al 0733/256361 o inviare un’email all’indirizzo pinacoteca@comune.macerata.it). La curatrice Francesca Coltrinari e il direttore artistico Francesco Micheli guidano i visitatori, alle 17.30, alla scoperta di questa esposizione che punta alla valorizzazione del ricco patrimonio dei Musei civici di Macerata, composta da 96 opere fra dipinti, incisioni e testi a stampa, e organizzata in un percorso tematico che richiama i paradigmi femminili delle opere liriche in cartellone nella stagione lirica 2012.