Iscriviti alla newsletter

FOTONOTIZIA_Da Sferisterio Opera Festival 2010 In scena da sabato 31 luglio alle ore 21 (repliche il 4 e 8 agosto), allo Sferisterio di Macerata dopo 29 anni, LA FORZA DEL DESTINO di Giuseppe Verdi

21 Luglio 2010

Macerata, 21 luglio

La forza del destino, melodramma in quattro atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, è la seconda opera lirica del cartellone dello Sferisterio Opera Festival, in scena sabato 31 luglio ore 21 dopo il Faust di Charles Gounod in programma il 30 luglio e dopo il Vespro della Beata Vergine di Monteverdi la sera del 29 luglio.

Il capolavoro di Verdi, assente dal palcoscenico dello Sferisterio da 29 anni (vi fu rappresentato nel 1981 e precedentemente nel 1969) è proposto in un nuovo allestimento con la direzione d’orchestra di Daniele Callegari, la regia, le scene ed i costumi di Pier Luigi Pizzi, ed un cast di grandi interpreti tra cui il basso Roberto Scandiuzzi nel ruolo di Padre Guardiano. Personalità carismatica, Scandiuzzi è uno dei maggiori cantanti della scena operistica e affascina il suo pubblico con la bellezza della sua voce, dal timbro armonioso e nobile.

Protagonisti del nuovo allestimento dello Sferisterio sono inoltre Teresa Romano (Leonora), soprano di origine campana dalla voce luminosa e rotonda, già presente nonostante la giovane età, 25 anni, in alcuni tra i grandi teatri italiani (Napoli, Milano, Verona, Roma..) con famosi direttori, il serbo Zoran Todorovich (Don Alvaro), molto apprezzato a livello internazionale per il repertorio di tenore lirico-spinto, e Marco Di Felice (Don Carlo), autorevole ed emozionante voce di baritono presente nei principali palcoscenici del mondo. Nel cast, inoltre, Ziyan Atfeh (Il Marchese di Calatrava), Anna Maria Chiuri (Preziosilla), Paolo Pecchioli (Frà Melitone), Annunziata Vestri (Curra), Giacomo Medici (Un alcalde), Paulo Paolillo (Mastro Trabucco). Il corpo di ballo “Aeros” accompagnerà l’opera con le coreografie di Gheorge Iancu. Movimenti coreografici di massa e mimici sono di Roberto Maria Pizzuto, il disegno luci è a cura di Sergio Rossi. L’orchestra è la Regionale delle Marche, il Coro Bellini è diretto da David Crescenzi.

L’opera verdiana debuttò nel 1862 a San Pietroburgo in Russia.

Ufficio stampa Sferisterio Opera Festival:

tel. 0733. 261335 e-mail ufficiostampa@sferisterio.it

Anna Dalponte  e-mail dalann@tiscali.it

Simona Marini  e-mail press.marini@gmail.com

forza_scandiuzzi-romano-e-todorovich