Iscriviti alla newsletter

Dopo le prime, biglietteria a gonfie vele

25 Luglio 2016

Primo fine settimana

Il Macerata Opera Festival parte sotto una buona stella. Le due prime di Otello e Norma hanno riscosso un consenso diffuso di critica e pubblico, sia a livello regionale che nazionale.

Più che positivi i dati di biglietteria. Quella del 2016 è la miglior inaugurazione degli ultimi 11 anni, cioè da quando si lavora con questa disposizione di posti. Aver presentato due nuovi spettacoli che rivaleggiano tra loro per qualità e gradimento del pubblico, sebbene siano molto diversi tra loro, offrono una proposta artistica complessiva davvero efficace.

Otello ha fatto registrare 2157 presenze paganti, mentre Norma 1965. La somma delle due opere è di 4122 paganti, come scritto la migliore in assoluto dal 2006. Solo l’inaugurazione del 2014, quella del Cinquantesimo della stagione lirica aveva superato i 4mila spettatori, fermandosi a 4043.

Anche il botteghino sorride, con 210.037 euro di incasso complessivo. Analizzando lo storico citato, solo due inaugurazioni hanno superato i 210.000 euro, sostanzialmente equivalendosi: quella 2006 (210.469) e quella di quest’anno.

Festival OFF

Il concerto di Goran Bregovic ha chiuso il primo fine settimana del Macerata Opera Festival, con le opere allo Sferisterio accompagnate dai tanti eventi del Festival OFF: Aperitivi Culturali, Pomeridiana e Fiori Musicali. Domani partono i “format” del Martedì e Mercoledì.

Enea Migrante è il titolo delle tre suggestive letture, tratte dall’Eneide di Virgilio e dal libro Omero, Iliade di Alessandro Baricco, che si svolgono il 26 luglio e il 2 e 9 agosto, alle ore 21, presso il cortile di Palazzo Buonaccorsi. Organizzate in collaborazione con Adriatico Mediterraneo Festival, le letture sono accompagnate da interventi musicali. Si comincia quindi domani 26 luglio con l’opera di Baricco letta da Antonio Lovascio, che si concentra sui personaggi di Elena, Pàndaro ed Enea, sulle note dell’oud di Gionni Di Clemente.  Ad anticipare le letture dei Martedì, ci sono i laboratori per bambini realizzati con la collaborazione del corso di Psicologia dello sviluppo dell’Università di Macerata OperAttivaMente. I più piccoli vengono guidati in viaggio alla scoperta delle tre opere in cartellone, al cui termine segue una gustosa merenda offerta da Coldiretti. Al termine delle letture, invece, sono organizzate visite guidate a Palazzo Buonaccorsi, nella cui Sala dell’Eneide sono presentate le installazioni coreografiche dell’Ermitage visual and perfoming arts I corpi poetici, ideate da Paolo Londi.

I Mercoledì animano il Teatro Lauro Rossi, alle ore 21, con recital di grande levatura artistica gratuiti, grazie al contributo di Hera Comm, Energy sponsor del Festival. Si tratta di tre concerti che attraversano il Mediterraneo, portandone in scena le musiche più particolari. Il 27 luglio, Giovanni Seneca & Orchestrina Adriatica propongono “Suoni e canti del Mediterraneo”. Il filo conduttore del recital di musiche tradizionali mediterranee è la popolarità intesa come capacità di comunicazione nei confronti di un pubblico vasto ed eterogeneo.

I concerti dei Mercoledì sono ad ingresso gratuito ed i biglietti sono prenotabili sul sito energia.sferisterio.it e in biglietteria, con la possibilità di fare una donazione per i Medici Senza Frontiere.