Iscriviti alla newsletter

Domani tutto esaurito per Turandot

28 Luglio 2017

Per la prima volta in 25 anni, anche la seconda replica del titolo inaugurale del festival è sold out. Theorin infortunata sarà sostituita dalla francese France Dariz

 

Per la prima volta in 25 anni, anche la seconda replica del titolo inaugurale del festival, Turandot, è sold out: il capolavoro di Puccini va in scena sabato 29 luglio alle ore 21 allo Sferisterio con un tutto esaurito già raggiunto contemporaneamente a quello della serata di debutto. Sul podio Pier Giorgio Morandi, alla guida della FORM e del complesso di palcoscenico Banda “Salvadei”, il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”, il Coro di voci bianche Pueri Cantores “D. Zamberletti”.

A causa di un infortunio, Iréne Theorin non potrà interpretare come previsto il personaggio di Turandot nella recita di sabato 29 luglio. Al suo posto, France Dariz, che ha seguito fin dall’inizio tutta la produzione poiché impegnata come cover del soprano svedese. La cantante francese è pronta al suo debutto allo Sferisterio nelle vesti della sanguinaria ed algida principessa Turandot che, nella produzione firmata da Ricci/Forte si confronta con la sua interiorità e con un mondo in cui sogni e incubi si intrecciano con la realtà. Il tenore Rudy Park tenterà di sciogliere i tre enigmi nei panni del principe ignoto, Calaf. Il cast di interpreti si completa con Stefano Pisani (l’imperatore Altoum), Alessandro Spina (Timur), Davinia Rodriguez (Liù), Andrea Porta (Ping), Gregory Bonfatti (Pang), Marcello Nardis (Pong) e Nicola Ebau (Un mandarino). Le scene e le luci sono curate da Nicolas Bovey; Gianluca Sbicca ha firmato i costumi e Marta Bevilacqua i movimenti scenici.

La giornata di sabato 29 luglio è ricca di appuntamenti festivalieri, fra i quali il secondo itinerario dei Percorsi tattili organizzati in collaborazione con l’Università di Macerata e il Museo Tattile Omero e dedicato a Turandot e ai costumi della produzione. Il percorso di sabato 29 luglio è dedicato in special modo ai bambini e alla scoperta dei costumi di Turandot, grazie alla collaborazione della sartoria del Teatro, dove i piccoli partecipanti avranno modo di toccare e indossare i vestiti messi a disposizione. Per informazioni e prenotazioni sui percorsi, contattare arte.accessibile@unimc.it.

Per gli Aperitivi Culturali agli Antichi Forni curati da Cinzia Maroni, alle ore 12, Adriano Fabris, ordinario di Filosofia morale all’Università di Pisa, è protagonista dell’incontro Il Tao di Puccini. In occasione della pubblicazione dei nuovi volumi dell’epistolario pucciniano, Fabris discute il rapporto tra Puccini e la cultura orientale, in un appuntamento dedicato alla scoperta del profondo interesse e della grande conoscenza del compositore lucchese verso i miti dell’Oriente (ingresso libero).

Nel Parco di Villa Cozza, alle ore 17, i Fiori musicali, ciclo di concerti curati da Cesarina Compagnoni, con la partecipazione degli studenti del Conservatorio G.B. Pergolesi di Fermo.

Le iniziative continuano allo Sferisterio, alle ore 19, con gli aperitivi in loggione, dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini. L’evento prevede una verticale di vini, con un sommelier dell’AIS che ne spiega la storia, ed offre la possibilità di godere del panorama mozzafiato maceratese, dai Monti Sibillini al Mare Adriatico. Per prenotazioni, visitare il sito www.sferisterio.it/visit.

In serata, lo spettacolo della Turandot potrà inoltre essere seguito con le audio descrizioni, che permettono ai non vedenti e agli ipovedenti di conoscere l’allestimento attraverso una descrizione di tutto quello che è elemento visivo dello spettacolo. È possibile scaricare gratuitamente le parti introduttive dei titoli in programma dal sito web dello Sferisterio.

 

 

Macerata, 28 luglio 2017