Iscriviti alla newsletter

Le prime volte

14 Ottobre 2013

DUBAI 14/10/2013 – Mi trovo all’aeroporto di Dubai. Sono le 6.25 del mattino, locali… Credo. Tra un paio d’ore c’è il volo per Muskat, capitale del Sultanato del Dubai. La settimana prossima andrà in scena la Traviata di Giuseppe Verdi presso il Teatro Reale dell’opera nella mitica versione di Brockhaus e Svoboda: la Traviata “degli specchi”.

Diario dall'Oman

Sarà perché è la prima volta che si mette in scena la vicenda di quella lontana prostituta parigina in questo paese arabo; sarà perché quattro giorni fa Verdi compiva 200 anni; sarà perché è la prima volta nella sua gloriosa storia che il Festival di Macerata porta in tournée una propria produzione al completo, con orchestra coro, artisti, tecnici e compagnia bella; sarà perché ho dormito tre ore; sarà perché non mi è nemmeno tanto chiaro in che punto del globo mi trovo precisamente.

Diario dall'Oman

Sarà per tutto questo e chissà per quant’altro, ma provo un leggero senso di vertigine. Mi serve – in tali casi – fermarmi e mettere per iscritto il frullato di stati d’animo che portano a tale turbamento. Credo che possa essere significativo condividere con chiunque ne abbia curiosità l’esperienza del nostro amato Festival in tournée. Do inizio oggi a un piccolo diario di bordo dall’Oriente. Per fermare questi istanti, metterli nero su bianco, tanto sono significativi, complessi e pittoreschi, Per noi. Per Macerata. Per il nostro Paese. E anche per l’amato Peppino. Tanti auguri.

Francesco Micheli