Iscriviti alla newsletter

Rigoletto, al via il count-down per il debutto

04 Luglio 2015

Mancano solo 10 giorni alla prova generale della rappresentazione che inaugura la 51° edizione del Macerata Opera Festival

Macerata 04/07/2015 – Mancano solo 10 giorni all’anteprima di Rigoletto, prologo della cinquantunesima edizione del Macerata Opera Festival.

L’opera di Giuseppe Verdi, dopo la prova generale, apre la stagione lirica il 17 luglio con la nuova produzione firmata dal regista fiorentino Federico Grazzini. Nel cast Vladimir Stoyanov nei panni di Rigoletto; Jessica Nuccio in quelli di Gilda, Celso Albelo è il Duca di Mantova mentre Maddalena e Sparafucile sono interpretati da Nino Surguladze e Gianluca Buratto. Sul palco anche Leonora Sofia, Mauro Corna, Alessandro Battiato, Ivan Defabiani, Giacomo Medici, Rachele Raggiotti e Silvia Giannetti. La direzione è affidata alla bacchetta del Maestro Francesco Lanzillotta.

La produzione di Grazzini è ambientata in un moderno Luna Park dismesso, in sospeso tra realtà e incubo. Un luogo di doppiezza, finzione, specchi, in cui riso e terrore si intrecciano senza soluzione di continuità.

Per Rigoletto è un ritorno sul palco dello Sferisterio; l’ultima edizione è stata quella del 2011 targata Massimo Gasparon. Intanto i più curiosi possono avere un assaggio della nuova produzione su Twitter: fino al 9 agosto, data dell’ultima recita in programma, ci si può appassionare all’opera verdiana anche seguendo l’hashtag #Rigoletto e attraverso i tweet inviati dall’account ufficiale del Festival @MacerataOpera, contenenti foto e brevi estratti video dal back stage dello spettacolo che apre e chiude la cinquantunesima stagione lirica maceratese. Una vera e propria incursione social, realizzata in collaborazione con il blog Scritture Brevi, che accompagna il lavoro degli artisti fin dalle prime fasi e che svela la nuova produzione del Rigoletto del regista Federico Grazzini.

Nella foto 1 Jessica Nuccio e Vladimir Stoyanov nei panni di Gilda e Rigoletto, Nella foto 2 il regista Grazzini. Foto Tabocchini