Iscriviti alla newsletter

Cento Mecenati a due terzi dell’opera

10 Giugno 2016

Prosegue con impegno e passione il progetto dei Cento Mecenati per lo Sferisterio, arrivato ormai “a due terzi dell’’opera” con 67 adesioni. Rimangono ancora trentatrè posti disponibili, che l’Associazione spera di assegnare nelle settimane che precedono l’apertura del Festival. Chi non rientrerà nei primi 100 donatori, dovrà poi attendere l’uscita di qualcuno dal gruppo (il rinnovo annuale è facoltativo). A sorpresa, alcune partecipazioni arrivano pure da fuori regione, mentre ci sono degli Amici dello Sferisterio che hanno scelto di diventare donatori e quindi essere più vicini, anche con un sostegno economico importante, all’Arena maceratese.

L’adesione ai Cento Mecenati avviene attraverso Art bonus, lo strumento promosso dal Governo per favorire il sostegno dei privati al finanziamento della cultura. Art bonus prevede infatti un’agevolazione fiscale pari al 65% dell’erogazione liberale effettuata, che viene recuperato in tre anni sotto sotto forma di credito d’imposta: quindi, su 1000 euro versati se ne recuperano 650. Le erogazioni possono essere effettuate sia dalle persone fisiche che dai soggetti titolari di reddito d’impresa (società e ditte individuali), preferibilmente attraverso bonifico bancario, specificando la causale “Art Bonus – erogazione liberale a favore dell’Associazione Arena Sferisterio per l’organizzazione della Stagione Lirica”.

La segreteria del progetto è curata da Angela Tassi (angela.tassi@sferisterio.it, tel.346/8581624), inoltre sul sito dello Sferisterio, all’indirizzo https://www.sferisterio.it/art-bonus/100-mecenati/ si possono trovare tutte le informazioni utili per aderire.

Intanto segue a buon ritmo l’acquisto dei biglietti per la stagione lirica. Al 31 maggio, tra vendite e prenotazioni, la biglietteria dello Sferisterio ha superato la quota di 10mila tagliandi emessi, per un incasso di circa 500mila euro.  A 45 giorni dal Festival, la situazione appare quindi positiva, tendendo conto del fatto che il debutto della prima opera, Otello, è il 22 luglio, cinque giorni dopo rispetto al 2015. Tra le vendite dei titoli in cartellone si può notare come quelle online si stiano allineando a quelle locali: gli spettatori del Festival stanno acquistando di più sul web rispetto al 2015 e, a oggi, gli acquisti in biglietteria e quelli su vivaticket.it quasi si equivalgono in percentuale.