Macerata Opera Festival e IMT: si conferma il binomio spettacolo e vino per l’estate allo Sferisterio

IMT Vinitaly Destinazione Marche Macerata Opera Festival 2019

Nel segno del tema #rossodesiderio, aperitivi in loggione, esclusivi programmi per le aziende e una milonga sul palcoscenico più lungo d’Europa per ballare e brindare con le Doc delle Marche fino a notte fonda.
Le esperienze turistiche da maggio anche sui portali di TripAdvisor, Viator e Ryanair

 

Grazie al successo degli ultimi anni, si rinnova anche per il 2019 l’accordo tra l’Associazione Arena Sferisterio e IMT (Istituto Marchigiano di Tutela Vini), per una felice collaborazione che arricchisce il programma del Macerata Opera Festival con una serie di proposte legate al territorio e ai suoi vini, in particolare al vino bianco Colli Maceratesi DOC Ribona.

Dal 1967 lo Sferisterio richiama ogni estate il pubblico più esigente ad applaudire titoli che conquistano grazie anche alla speciale “magia” di uno spazio ampio ma allo stesso tempo intimo, con un’acustica naturale perfetta per il teatro d’opera.

Nel 2018, anno dei record, le presenze sono state oltre 30mila. Dopo #verdesperanza che nel 2018 ha fatto parlare il Macerata Opera Festival di natura, rinascita, giovinezza e futuro, il tema del festival 2019 – pensato dal sovrintendente Luciano Messi, dalla direttrice artistica Barbara Minghetti e dal direttore musicale Francesco Lanzillotta – è #rossodesiderio, ancora una volta assai attinente alla collaborazione con IMT.

Il filo che unisce le tre opere in cartellone è proprio il desiderio, anche nelle sue accezioni più controverse: rosso-gelosia per Carmen di Georges Bizet, rosso-potere per Macbeth e rosso-possesso per Rigoletto, entrambi capolavori di Giuseppe Verdi.

A ogni opera è abbinata anche una festa a tema che avrà luogo in palcoscenico al termine di una recita: Macbeth / dj-set verdiano sul tema delle streghe (26 luglio), Rigoletto / Il circo (2 agosto), Carmen / milonga notturna (10 agosto).

 
“L’enologia è una delle migliori espressioni del territorio – afferma il sovrintendente dell’Associazione Arena Sferisterio Luciano Messi. Come non si può fare Verdicchio lontano da Jesi e Matelica, così l’opera acquista un colore unico all’interno dello Sferisterio. Il terroir ci lega. Quest’anno puntiamo a superare la quota dei 500 aperitivi con gli spettatori del festival, grazie all’iniziativa del brindisi in loggione con le DOC delle Marche. In più abbiamo ideato un nuovo programma corporate: le aziende potranno acquistare, per un massimo di 50 ospiti, l’accesso a una prova delle opere accompagnati da una presentazione e una guida all’ascolto, cui seguirà una degustazione di vini marchigiani organizzata da IMT”.
 
Grazie al binomio Sferisterio-IMT, durante il festival il pubblico internazionale che ogni anno anima Macerata potrà arricchire la propria esperienza di visita con un articolato programma che lega musica e vino, e che comprende:

– Aperitivi in loggione con le DOC marchigiane. Tornano, grazie alla collaborazione con AIS e con più disponibilità di posti, gli aperitivi in loggione che hanno fatto furore nel 2017 e nel 2018. Nelle undici serate d’opera in calendario, nel punto più alto del teatro, da dove si gode un magnifico panorama, dai Monti Sibillini al Mare Adriatico, 60 ospiti potranno degustare le DOC marchigiane.

– Festa in palcoscenico. Dopo l’ultima recita di Carmen (10 agosto), il palcoscenico dello Sferisterio si trasformerà in una milonga in cui ballare fino a notte fonda e degustare anche in questo caso i vini proposti da IMT.

– VIP package. Acquistando un palco da sei posti, si può scegliere l’esclusiva formula VIP con parcheggio riservato, tour del teatro e catering durante l’opera.

– Programma corporate. Prova aperta guidata da uno degli artisti del Macerata Opera Festival e viaggio sensoriale attraverso le Marche a cura di IMT.

– Vendita dei pacchetti opera-vino su TripAdvisor e Ryanair.

“Il Macerata Opera Festival è un evento di fondamentale importanza, che porta nelle Marche una grande affluenza di visitatori – afferma Alberto Mazzoni, direttore dell’Istituto marchigiano di tutela vini (Imt) -. Quello del vino è un mondo trasversale, che incrocia non solo la gastronomia, ma anche la cultura di un territorio, compresa quella artistica e musicale. Quest’anno dedichiamo la nostra partecipazione al Colli Maceratesi Ribona, vino Doc bianco per eccellenza della provincia di Macerata, che sta riscuotendo attenzione su mercati nazionali e internazionali”.
 
Gli Aperitivi in loggione si realizzano anche grazie al sostegno del progetto Sferisterio Experience finanziato dalla Regione Marche FESR 2014-2020 ASSE 3 – OS8 – AZIONE 8.1 – “Sostegno all’innovazione e aggregazione in filiere delle pmi culturali e creative, della manifattura e del turismo ai fini del miglioramento della competitività in ambito internazionale e dell’occupazione”.
 
Annualmente il Macerata Opera Festival viene presentato nelle più importanti fiere turistiche per la promozione e la vendita internazionale: fra il 2018 e il 2019 ci sono stati incontri alla ITB Berlin, alla fiera Fr.e.e di Monaco, alla BIT di Milano, al World Trade Market di Londra e alla TTG di Rimini. Una attività che ha dato risultati significativi di crescita nelle presenze di gruppi e appassionati europei.
 
Una nuova opportunità di mercato si è aperta nel 2019, dedicata soprattutto ai viaggiatori indipendenti, sempre più numerosi, cioè la presenza del Festival su tre importati marketplace online dedicati ai viaggi: Ryanair, TripAdvisor e Viator e vendita dei pacchetti opera-vino.

Ryanair, compagnia aerea leader in Europa, ha lanciato da novembre 2018 un nuovo progetto per la vendita di biglietti di teatro e musica, in località legate alle proprie destinazioni, sul sito web Ryanair.com. I clienti del vettore irlandese potranno quindi acquistare i biglietti per gli spettacoli dell’edizione del MOF 2019 e alcuni pacchetti legati ad esperienze territoriali come quelle del vino, sia direttamente tramite “Ryanair Tickets”, sia attraverso la pagina “Active Trip”, abbinando le date del loro viaggio alle rappresentazioni in calendario.

La possibilità di acquistare gli spettacoli sarà anche data a chi pianificherà le proprie vacanze attraverso la funzionalità “Viaggi” di TripAdvisor, maggiore portale di viaggi che conta milioni di visualizzazioni sulla propria piattaforma. Terzo marketplace in cui sarà presente il Festival è Viator, portale che dà accesso diretto a più di 100.000 attività permettendo ai viaggiatori di scoprire e prenotare facilmente esperienze di diverso genere, pianificando in anticipo o prenotando last minute e garantendo offerte speciali e dedicate.

Anche in questi ultimi due casi i biglietti per gli spettacoli sono venduti sempre in combinazione con gli Aperitivi in Loggione curati da IMT.
 
Da 55 edizioni lo Sferisterio non è un’arena ma un vero e proprio teatro, l’unico all’aperto con i palchi e con il palcoscenico più ampio d’Europa. Dal 1967 richiama ogni estate il pubblico melomane più esigente ad applaudire originali proposte e cast prestigiosi, in una struttura monumentale ma intima, che garantisce una perfetta visibilità e un’eccellente acustica che non necessità di amplificazione.

Barbara Minghetti, direttrice artistica del Macerata Opera Festival, e Francesco Lanzillotta, direttore musicale, arricchiscono la squadra del Festival coordinata dal sovrintendente Luciano Messi.

Tutte le star della lirica e del balletto hanno calcato questo palco: tra gli altri Mario Del Monaco, Luciano Pavarotti, Katia Ricciarelli, José Carreras, Raina Kabaivanska, Montserrat Caballé, Franco Corelli, Placido Domingo, Carla Fracci, Rudolph Nureyev.

ono passati alla storia allestimenti come la celebre Traviata “degli specchi” dello scenografo Josef Svoboda nel 1992, e l’indimenticabile Bohème firmata da Ken Russel nel 1984. Altra Bohème, quella del 2012 firmata a Leo Muscato, è stata vincitrice del premio Abbiati, così come Turandot affidata alla creatività di Ricci/Forte, andata in scena nel 2017, che ha ottenuto nuovamente il prestigioso riconoscimento della critica musicale italiana.

Nel corso degli anni il Festival è diventato un esempio di sperimentazione e contaminazione, con l’idea di portare il teatro al di là dei propri confini. Nella convinzione che l’opera lirica è materiale vivo sul quale confrontarsi quotidianamente, il Festival è stato inaugurato spesso con lectio magistralis di grandi personaggi del panorama culturale: Dante Ferretti per “Allievi e maestri”, Massimiliano Fuksas in “Muri e divisioni”, Lucia Annibali con “L’opera è donna”, Vito Mancuso su “Nutrire l’anima”, Massimo Bray per “Mediterraneo” e Mario Cucinella per “#verdesperanza”.

Altri grandi artisti fra i quali Patti Smith, Ludovico Einaudi, Lella Costa, Goran Bregovic, Ezio Bosso, Stefano Bollani, Thom Yorke e Jonny Greenwood, Ben Harper e i Simple Minds si sono invece cimentati in progetti speciali e concerti per indagare il legame fra l’opera lirica e altre forme di spettacolo dal vivo: dalla prosa al jazz dalla musica popolare al rock.

Il Macerata Opera Festival si propone a livello internazionale come attrattore per il turismo culturale e per un nuovo rilancio del territorio che, dopo essere stato ferito dal terremoto nel 2016, sta con determinazione ed energia costruendo un futuro legato alle proprie bellezze naturali e culturali.

Inoltre aspira a essere un festival internazionale per la qualità delle produzioni, instaurando collaborazioni con teatri europei ed extraeuropei e artisti di valore internazionale. Nessun Festival di qualità può diventare internazionale se non riesce a sedimentare nel suo territorio un valore e consapevolezza nella sua comunità: festival è accoglienza, è città in festa. Quindi la comunità per prima deve farne parte, esserne coinvolta, considerando anche gli aspetti sociali, partecipativi e di valorizzazione del territorio.

Nel triennio 2018-2020, il Macerata Opera Festival è dedicato a colori legati a sentimenti e al valore territoriale che ne può scaturire. Da qui l’importanza di proporre delle produzioni di alto profilo artistico all’interno di uno spazio meraviglioso quale lo Sferisterio, accompagnate da un significato che possa coadiuvarne il valore estetico e artistico. Oggi fare cultura vuol dire assumersi una responsabilità sociale: cercare insieme al pubblico e ai cittadini delle risposte agli interrogativi che la società pone.

Così fare opera vuol dire occuparsi della contemporaneità attraverso regie le cui motivazioni estetiche e drammaturgiche permettano una riflessione e, attraverso una programmazione intensa e articolata, che parli del presente. La programmazione artistica del triennio affronta infatti le tematiche che più affliggono la società di oggi ma con una visione positiva, per un futuro “sostenibile” e luminoso.

Il Festival nel 2019 prosegue un cammino di ricerca nel teatro di regia, assecondando le peculiarità architettoniche dello Sferisterio che influenzano l’utilizzo dello spazio. Dopo il debutto di Graham Vick a Macerata nel 2018, arriva Jacopo Spirei, regista particolarmente attivo sulla nuova scena europea, per una Carmen che vuole esaltare la visione di Bizet con uno spettacolo profondamente francese che guarda al mondo del Crazy Horse. Macbeth andrà in scena nella pluripremiata regia di Emma Dante, per chiudere con un Rigoletto ambientato da Federico Grazzini in un circo grottesco.

Il Festival ha la sua componente contemporanea e multidisciplinare con il secondo concorso Macerata Opera 4.0 #rossodesiderio che nel 2019 si arricchisce della coproduzione con RomaEuropa Festival e metterà in scena in prima la nuova creazione Can you HearT me?

Ci saranno poi nuove iniziative per vivere lo Sferisterio in modo sempre nuovo e diverso e una serie di appuntamenti con artisti e altre forme musicali come i concerti di Loreena McKennitt, icona della world music di matrice celtica, dei marchigiani Raphael Gualazzi o Neri Marcorè, il teatro acrobatico di Kataklò.

Da quest’anno il Macerata Opera Festival ha programmato durante i mesi di attività scolastica una stagione composta da più titoli e dedicata alle nuove generazioni, dai bambini di 6 mesi fino ai ragazzi delle superiori: “Lo Sferisterio a scuola” propone un progetto diverso per ogni fascia di età dedicato al teatro musicale e alla partecipazione del pubblico, che si concluderà con le anteprime delle opere per i giovani allo Sferisterio.
 
Ecco il calendario #rossodesiderio 2019:

martedì 16 luglio Anteprima Carmen di Georges Bizet

mercoledì 17 luglio Anteprima Macbeth di Giuseppe Verdi

giovedì 18 luglio Anteprima Can You HearT Me, Opera 4.0 | Anteprima Rigoletto di Giuseppe Verdi

venerdì 19 luglio Carmen di Georges Bizet

sabato 20 luglio Can You HearT Me, Opera 4.0 | Macbeth di Giuseppe Verdi

domenica 21 luglio Rigoletto di Giuseppe Verdi

martedì 23 luglio Play con Kataklò

mercoledì 24 luglio Loreena McKennitt

giovedì 25 luglio Macbeth Solo con Sergio Rubini

venerdì 26 luglio Macbeth di Giuseppe Verdi | Festa in palco “Streghe”

sabato 27 luglio Rigoletto di Giuseppe Verdi

domenica 28 luglio Carmen di Georges Bizet

martedì 30 luglio Can You HearT Me, Opera 4.0

mercoledì 31 luglio Giovanni Sollima e Enrico Melozzi

giovedì 1 agosto Notte dell’Opera

venerdì 2 agosto Rigoletto di Giuseppe Verdi | Festa in palco “Circo”

sabato 3 agosto Carmen di Georges Bizet

domenica 4 agosto Macbeth di Giuseppe Verdi

martedì 6 agosto Can You HearT Me, Opera 4.0

mercoledì 7 agosto Raphael Gualazzi

giovedì 8 agosto Orchestra di Piazza Vittorio

venerdì 9 agosto Rigoletto di Giuseppe Verdi

sabato 10 agosto Carmen di Georges Bizet | Festa in palco “Milonga”

domenica 11 agosto Come una specie di sorriso con Neri Marcorè

Posted in News | Leave a comment

Avviso di selezione per personale di sala (2019)

È indetta una selezione pubblica per il conferimento di n. 28 incarichi per lo svolgimento del servizio di personale di sala negli spettacoli in programmazione all’Arena Sferisterio di Macerata da giugno a settembre 2019. Tale servizio potrà essere svolto anche presso altri luoghi di spettacolo o di prova, utilizzati o gestiti dall’Associazione Arena Sferisterio.

 

Scopri di più

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Avviso di selezione per sorveglianti (2019)

È indetta una selezione pubblica per il conferimento di n. 16 incarichi per lo svolgimento del servizio di sorveglianti negli spettacoli in programmazione all’Arena Sferisterio di Macerata da giugno a settembre 2019. Tale servizio potrà essere svolto anche presso altri luoghi di spettacolo o di prova, utilizzati o gestiti dall’Associazione Arena Sferisterio.

Scopri di più

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Sempre “più Sferisterio” per il Macerata Opera Festival 2019

Sferisterio, bando 2015 per assistente di produzione, Macerata Opera Festival 2015,

Lo spazio dell’arena maceratese sarà fruibile per un numero sempre più alto di serate: il teatro-danza acrobatico dei Kataklò riporta lo Sferisterio ai tempi della palla al bracciale, i concerti di Giovanni Sollima ed Enrico Melozzi e di Raphael Gualazzi si affiancano a quelli di Loreena McKennitt e Neri Marcorè
 
Tornano le feste sul palcoscenico e il nuovo “palco reverse”
 
Ancora aperti i bandi per partecipare da protagonisti alla Notte dell’Opera

Con il motto “più Sferisterio” prende forma il programma definitivo del Macerata Opera Festival 2019 #rossodesiderio: sempre più serate dentro l’arena che accoglierà il pubblico in diverse configurazioni, come fosse uno spazio a “platea modulabile”, in sezioni predefinite del grande teatro all’aperto.

A seconda delle diverse esigenze di produzione e fruizione dello spettacolo proposto, lo spazio diventerà sempre più protagonista scenografico della serata, con soluzioni ed effetti nuovi.

Il teatro nella sua interezza accoglierà le tre opere in programma sul palcoscenico più lungo d’Europa (CarmenMacbeth Rigoletto), come accadrà per altri spettacoli musicali; una porzione di sala più raccolta sarà destinata invece a manifestazioni che esigono maggior concentrazione espressiva.

Le feste in palcoscenico e i nuovi appuntamenti di “palco reverse”, con artisti e pubblico in scena, completano la gamma di metamorfosi di fruizione della sala dello Sferisterio.

 

Kataklò

Il 23 luglio lo Sferisterio tornerà indietro nel tempo per ospitare un particolare “evento sportivo” con Play, spettacolo simbolo di Kataklò, la più celebre compagnia italiana di teatro acrobatico che omaggerà Macerata inserendo nella performance un nuovo numero dedicato proprio alla palla al bracciale.

Il progetto di Play ha origine nel 1995 per celebrare i cento anni della «Gazzetta dello Sport»: da allora nello stesso lavoro, presentato in tutto il mondo, si sono alternate cinque generazioni di performer; gli attuali sei provengono tutti dal percorso formativo di Accademia Kataklò Giulia Staccioli, la prima accademia di formazione e avviamento professionale dedicata a performer di Athletic Dance Theatre, nata a Milano nel 2010 per volontà dell’ex ginnasta olimpica, fondatrice del gruppo.

Dal punto di vista creativo, Play è composto da una serie di “cartoline” di sport che accompagnano lo spettatore in luoghi ed epoche lontani: dal senso di spensierata libertà di una gara in bicicletta nelle campagne del dopoguerra, a una delle prime stelle internazionali del tennis femminile, fino ad indagare il significato della circolarità della vita, della ricerca perpetua di ogni essere umano attraverso il ritmo incalzante di una corsa.

E poi ancora una pallavolo magica e ipnotica, un rugby che si apre con una haka Maori, un podio che conferma la fatica della costruzione della vittoria sul quale si muovono corpi dalla mitologica classica bellezza.

 

Giovanni Sollima è uno dei più interessanti e versatili compositori e violoncellisti del nostro tempo. Sarà anche lui allo Sferisterio mercoledì 31 luglio insieme a Enrico Melozzi, violoncellista, direttore d’orchestra – impegnato anche a Sanremo 2019 –, compositore, con il quale ha fondato il progetto dei 100Cellos che, dall’esperienza del Teatro Valle occupato a Roma, si è esibito in molte città europee nel segno della condivisione e della musica d’insieme.

 

raphael_gualazzi

È Raphael Gualazzi il nome che si aggiunge alla lista degli artisti che si esibiranno questa estate allo Sferisterio nell’ambito del Macerata Opera Festival. Insieme al concerto della cantautrice canadese Loreena McKennitt (24 luglio) e a quello di Neri Marcorè dedicato a Fabrizio de André (11 agosto), l’appuntamento con il pianista e compositore urbinate è in calendario il 7 agosto.

Gualazzi porterà la sua musica e la sua voce per la prima volta allo Sferisterio. I primi dieci anni di carriera hanno visto il successo costantemente in ascesa per il musicista marchigiano: dalla canzone Follie d’amore presentata al Festival di Sanremo del 2011, vincitrice della categoria Giovani e contenuta nell’album Reality and Fantasy, ai tour internazionali ricchi di date sold-out, Gualazzi ha suonato la sua musica dallo stile originale e personale in centinaia di concerti, riscuotendo sempre il plauso incondizionato del pubblico e gli elogi dalla critica musicale.

Al Macerata Opera Festival si conferma quindi la proposta crossover che vede alternarsi importanti voci della lirica con artisti del panorama cantautorale, della musica leggera e del repertorio popolare.

 

Il palcoscenico dello Sferisterio sarà calcato anche quest’anno non solo dagli artisti delle locandine ma anche dal pubblico: tornano infatti le feste a tema legate ai tre titoli operistici e si aggiunge un nuovo format, “palco reverse”, con pubblico e interpreti insieme in scena.

Le feste in palcoscenico sono in programma il 26 luglio, al termine della seconda recita di Macbeth, con un dj-set verdiano legato al tema delle streghe, il 2 agosto dopo la terza recita di Rigoletto, dedicata al circo, e infine il 10 agosto quando, dopo la quarta recita di Carmen, lo Sferisterio si trasformerà in una milonga per accogliere decine di coppie che balleranno il tango sino a notte inoltrata.

 

Sergio Rubini

Per “palco reverse”, il pubblico salirà in scena in due occasioni: il 25 luglio con l’attore e regista Sergio Rubini e il chitarrista Giampaolo Bandini, protagonisti di Macbeth Solo, tratto da Shakespeare, con le musiche originali di Nicola Jappelli (chitarrista e compositore milanese) da John Dowland (sommo esponente del repertorio elisabettiano), intensa versione del capolavoro teatrale inglese incentrata sulla figura di Macbeth disposto a tutto pur di ottenere il trono scozzese.

Rubini ha costruito un monologo interpretando i passi per lui più significativi in cui sono riuniti tutti i personaggi che diventano proiezioni del protagonista, sue voci interiori, suoi doppi, interpretazioni dei loro stati d’animo: la paura e la bramosia, il terrore, la gioia e la follia.

 

orchestra-piazza-vittorio

Quindi l’8 agosto per il concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio, compagine multiculturale nata nel 2002 nel rione Esquilino a Roma grazie all’auto tassazione di alcuni cittadini che hanno così aiutato musicisti di tutto il mondo a creare un’occasione di riscatto per molti artisti stranieri a Roma, vittime di emarginazione sociale e culturale, promuovendo al contempo generi e repertori diversi.

L’Orchestra di Piazza Vittorio suona spesso l’opera “a modo suo” e, per il Macerata Opera Festival, impagina un programma con brani tratti da opere elaborate lungo la sua esperienza quasi ventennale (Il flauto magico Don Giovanni di Mozart, Carmen di Bizet) ma anche nuovi arrangiamenti da Giuseppe Verdi e Kurt Weill

Dodici i musicisti e cantanti in scena che, attraverso gli strumenti e le lingue tipici del suono dell’OPV, esalteranno gli spunti di maggior ispirazione popolaresca avvicinando idealmente il pubblico al momento in cui i grandi compositori del passato le avevano composte.

 

Definito il titolo e il calendario dello spettacolo vincitore della seconda edizione del concorso rivolto agli under 35 Macerata Opera 4.0 #rossodesiderio: il progetto Giriamo in tondo nella notte e veniamo consumati dal fuoco di Maddalena Massafra in team con Lorenzo Ponte, Clio Saccà, Marco Sinopoli, Eleonora Paris, andrà in scena al Teatro Lauro Rossi con il titolo Can you HearT me? sabato 20 luglio, martedì 30 luglio e martedì 6 agosto con una anteprima giovedì 18 luglio.

Si tratta, come è noto, di una coproduzione dell’Associazione Arena Sferisterio con RomaEuropa Festival, in collaborazione con Opera Europa e la Rassegna di Nuova Musica.

 

Sono ancora aperti i due bandi legati alla Notte dell’Opera 2019 #rossodesiderio.

Il primo ha alla base il sostegno di Banco Marchigiano Credito Cooperativo che, con l’Associazione Arena Sferisterio e il Comune di Macerata, finanzierà sino a dieci progetti artistici di teatro musicale di ricerca o di strada con una forte capacità comunicativa.

Il bando è aperto a tutti i soggetti che siano singoli professionisti, team artistici e associazioni, italiani o stranieri: unico vincolo è il riferimento esplicito al tema #rossodesiderio oppure alle tre opere in cartellone (CarmenMacbethRigoletto).

Per ogni progetto vincitore ci sarà a disposizione un contributo spese pari a 500€ e la domanda di partecipazione al concorso dovrà pervenire entro le ore 20.00 del 4 maggio 2019 compilando il form online su sferisterio.it. I progetti pervenuti regolarmente saranno valutati dalla una giuria del MOF.

Per chi voglia solo mettersi in gioco, partecipando alla Notte dell’Opera dell’1 agosto non avendo preparazione accademica o atletica, c’è tempo invece sino alle ore 20.00 del 10 maggio 2019 per compilare il form online e iscriversi al laboratorio che si muove sul sentiero tracciato lo scorso anno dal progetto dei Cento cittadini del mondo: i partecipanti saranno guidati alla creazione di un momento di aggregazione e coinvolgimento della comunità nel segno della danza che farà parte del programma della Notte dell’Opera.

 

Ecco il calendario #rossodesiderio:

martedì 16 luglio Anteprima Carmen di Georges Bizet
mercoledì 17 luglio Anteprima Macbeth di Giuseppe Verdi
giovedì 18 luglio Anteprima Can You HearT Me, Opera 4.0 | Anteprima Rigoletto di Giuseppe Verdi
venerdì 19 luglio Carmen di Georges Bizet
sabato 20 luglio Can You HearT Me, Opera 4.0 | Macbeth di Giuseppe Verdi
domenica 21 luglio Rigoletto di Giuseppe Verdi
martedì 23 luglio Play con Kataklò
mercoledì 24 luglio Loreena McKennitt
giovedì 25 luglio Macbeth Solo con Sergio Rubini
venerdì 26 luglio Macbeth di Giuseppe Verdi | Festa in palco “Streghe”
sabato 27 luglio Rigoletto di Giuseppe Verdi
domenica 28 luglio Carmen di Georges Bizet
martedì 30 luglio Can You HearT Me, Opera 4.0
mercoledì 31 luglio Giovanni Sollima e Enrico Melozzi
giovedì 1 agosto Notte dell’Opera
venerdì 2 agosto Rigoletto di Giuseppe Verdi | Festa in palco “Circo”
sabato 3 agosto Carmen di Georges Bizet
domenica 4 agosto Macbeth di Giuseppe Verdi
martedì 6 agosto Can You HearT Me, Opera 4.0
mercoledì 7 agosto Raphael Gualazzi
giovedì 8 agosto Orchestra di Piazza Vittorio
venerdì 9 agosto Rigoletto di Giuseppe Verdi
sabato 10 agosto Carmen di Georges Bizet | Festa in palco “Milonga”
domenica 11 agosto Come una specie di sorriso con Neri Marcorè

Posted in News | Leave a comment

“Carmen” per i bambini dei nidi comunali con Opera baby

Un’esperienza straordinaria all’opera per i piccolissimi dei nidi comunali di Macerata grazie all’appuntamento del percorso formativo “Lo Sferisterio a scuola”, promosso dal Comune di Macerata insieme all’Associazione Sferisterio, che ha proposto venerdì 22 marzo lo spettacolo “Carmen. Rose rosse per te”.

Con diverse rappresentazioni  prima al nido e poi sul palcoscenico del teatro Lauro Rossi i bambini, con le educatrici e i genitori, sono stati coinvolti in uno spettacolo sensoriale ideato appositamente per loro.

“Con la musica fin da piccolissimi si cresce meglio. È questo lo spirito di un progetto innovativo che porta i bambini e le bambine dei nidi d’infanzia allo Sferisterio” afferma l’assessore alla cultura Stefania Monteverde. 

Lo spettacolo “Carmen. Rose rosse per te” dedicato a bambini fino a tre anni, rappresenta la novità assoluta della programmazione 2019, proprio per il coinvolgimento di questa fascia d’età. “Investiamo sui progetti educativi perché l’opera è per tutti e per tutte le età, questo è un impegno forte del Macerata Opera Festival che punta a fare dello Sferisterio un luogo meraviglioso per tutti”  spiega Barbara Minghetti direttrice artistica Macerara Opera Festival.

Il palcoscenico del Teatro Lauro Rossi, trasformato per l’occasione in uno spazio adatto a questo tipo di esperienza, ha accolto in due momenti (alle 16,30 e alle 17,30) i piccolissimi spettatori e le loro famiglie coinvolte attraverso gli asili nido.

Lo spettacolo sensoriale – regia di Manuela Capece e Davide D’oro, con l’ideazione musicale di Federica Falasconi – è dedicato alle suggestive atmosfere della Carmen di Bizet e ha come protagonista una ballerina che danza sulle note eseguite dal vivo da un fisarmonicista.

Il progetto propone anche percorsi di pedagogia del gioco e della musica per educatori e genitori, sviluppati con “Nati per la musica” (una collaborazione fra l’Associazione Culturale Pediatri e il Centro per la Salute del bambino online).

Il progetto Opera Kids è sostenuto anche dal contributo di Trevalli Cooperlat sponsor per sostenere l’impegno nell’educazione dei piccoli. 

Il progetto “Lo Sferisterio a scuola”, iniziato nei mesi scorsi con la formazione dei docenti e attività in classe, prevede per gli studenti delle scuole primarie e secondarie inferiori le attività di “Opera Domani”, un format ideato da As.Li.Co che da decenni porta in tutta Italia (e non solo) l’opera in classe e in famiglia, invitando tutti in teatro per far crescere il pubblico di domani. Si tratta di un percorso formativo in cui sono coinvolti anche gli insegnanti e in cui vengono approfonditi tutti gli aspetti della messa in scena di un’opera lirica: dalla musica alla drammatizzazione. 

Posted in News | Leave a comment

L’opera contemporanea, un campus per gli interpreti più giovani, il rapporto con il territorio e il sostegno di Banco Marchigiano per alcuni progetti della Notte dell’Opera: il Macerata Opera Festival sempre più indirizzato verso la pluralità della proposta artistica

Il vincitore del concorso di teatro musicale contemporaneo Macerata Opera 4.0 è Giriamo in tondo nella notte e veniamo consumati dal fuoco

Ci sono quattro nuovi progetti dell’Associazione Arena Sferisterio per il Macerata Opera Festival 2019 che hanno come obiettivi comuni il coinvolgimento di realtà e mondi culturali differenti, una maggiore opportunità di partecipazione attiva e il voler essere sempre più inclusivi: giovani artisti, semplici cittadini e gruppi teatrali o associazioni, troveranno ancora più spazio e attenzione all’interno di un Festival fortemente indirizzato verso la pluralità della proposta artistica.

Si aprono due call per arricchire la programmazione della Notte dell’Opera che, come è noto, quest’anno colorerà #rossodesiderio le vie di Macerata la sera di giovedì 1 agosto: la prima si rivolge ai “semplici” cittadini ed è un laboratorio partecipativo che si muove sulla strada tracciata lo scorso anno dal progetto dei Cento cittadini del mondo per la messa in scena del Flauto magico di Mozart con la regia di Graham Vick. Questa nuova edizione del progetto indagherà il sentimento della passione, visto come via di liberazione per cercare se stessi; mezzo per affrontare ed esternare la passione sarà la danza: il gruppo di partecipanti sarà così guidato in una ricerca autonoma e personale delle risorse e dei canali più adeguati al raggiungimento dell’obiettivo, trasformando poi le pulsioni ritrovate in veri e propri movimenti corporei. La struttura danzata sarà implementata, ricercata e studiata insieme alla coreografa Marta Negrini. Saranno poi gli stessi cittadini a insegnare e trasferire ad altrettanti cittadini della comunità maceratese la danza delle passioni/pulsioni. Il periodo di preparazione andrà dal 16 luglio all’1 agosto e avrà proprio durante la Notte dell’Opera il momento di coinvolgimento massimo quando, all’interno di una balera creata appositamente presso un ente del centro storico della città, sarà possibile condividere e apprendere insieme la danza dei Cento cittadini. Il laboratorio è rivolto a tutte le persone che abbiano almeno 18 anni e tanta voglia di mettersi in gioco.

Per partecipare non è richiesta nessuna preparazione teatrale né di danza e la domanda dovrà pervenire entro le ore 20.00 del 10 maggio 2019 compilando il form online all’indirizzo sferisterio.it/laboratoriocittadini2019.

Il secondo bando, destinato sempre alla Notte dell’Opera 2019 (disponibile sul sito sferisterio.it), ha alla base il sostegno di Banco Marchigiano Credito Cooperativo che, con l’Associazione Arena Sferisterio e il Comune di Macerata, finanzierà sino a dieci progetti artistici di teatro musicale di ricerca o di strada con una forte capacità comunicativa. Il bando è aperto a tutti i soggetti che siano singoli professionisti, team artistici e associazioni, italiani o stranieri: unico vincolo inderogabile è il riferimento esplicito al tema #rossodesiderio oppure alle tre opere in cartellone (Carmen, Macbeth, Rigoletto). Per ogni progetto vincitore ci sarà a disposizione un gettone di presenza pari a 500€ e la domanda di partecipazione al concorso dovrà pervenire entro le ore 20.00 del 4 maggio 2019 compilando il form online all’indirizzo sferisterio.it/bandonop2019. I progetti pervenuti regolarmente saranno valutati dalla una giuria del MOF.

Altra novità del 2019 sarà Opera Campus, iniziativa che prenderà il via il 26 giugno e che per due settimane coinvolgerà tutti gli artisti scritturati dal Macerata Opera Festival come cover dei cantanti che compongono i cast delle tre opere in cartellone. L’obiettivo del Campus non è quello di migliorare la tecnica vocale, ma di fornire gli strumenti adatti a un approfondimento interpretativo dei ruoli che ogni partecipante potrebbe ricoprire in caso di indisposizione imprevista degli artisti in locandina. Responsabili di Opera Campus saranno il baritono Bruno Taddia e il pianista Simone Savina; la supervisione è affidata al direttore musicale del Macerata Opera Festival Francesco Lanzillotta e al segretario artistico Gianfranco Stortoni. Il metodo di lavoro si baserà su un approccio testuale: oltre agli aspetti compositivo-musicali, molta importanza sarà data a quelli compositivo-testuali per individuare l’interpretazione più adatta del personaggio studiato. Opera Campus ha il sostegno del progetto Sferisterio Experience finanziato dalla Regione Marche FESR 2014-2020 ASSE 3 – OS8 – AZIONE 8.1 – “Sostegno all’innovazione e aggregazione in filiere delle pmi culturali e creative, della manifattura e del turismo ai fini del miglioramento della competitività in ambito internazionale e dell’occupazione”.

Durante la conferenza stampa è stato annunciato anche il vincitore della seconda edizione del Concorso Macerata Opera 4.0 #rossodesiderio, bando rivolto agli under 35 per selezionare un progetto di teatro contemporaneo da rappresentare nell’estate 2019 (tra il 15 luglio e l’11 agosto), al Teatro Lauro Rossi o – secondo le esigenze di allestimento – in uno spazio alternativo. Al concorso, bandito dall’Associazione Arena Sferisterio, in coproduzione con RomaEuropa Festival e in collaborazione con Opera Europa e la Rassegna di Nuova Musica, hanno partecipato oltre 30 progetti e tre di questi sono stati selezionati per la fase finale: Giriamo in tondo nella notte e veniamo consumati dal fuoco di Maddalena Massafra, Mal di terra di Matilde Cragnolini, Protozoo-Project ossia il desiderio artificiale di Hannah Gelesz.

Posted in News | Leave a comment

Avviso di selezione per mimi e figuranti opera Rigoletto

Il Macerata Opera Festival cerca mimi e figuranti per l’opera Rigoletto  di Giuseppe Verdi. La selezione si svolgerà alla presenza del regista Federico Grazzini il prossimo 1 aprile 2019 a Macerata alle ore 14.00.

Si cercano:

– 6 mimi uomini di età compresa tra i 20 e i 35 anni, con esperienza teatrale e buona capacità di movimento in palcoscenico. Il compenso sarà di 300€ lordi onnicomprensivi a recita, oltre iva ove dovuta, non è previsto alcun altro tipo di rimborso.

Saranno ammessi alla selezione i candidati scelti tra coloro che invieranno curriculum vitae artistico e foto a selezioni2019@sferisterio.it entro il 23 marzo.

– 6 figuranti donne di bella presenza, età compresa tra i 20 e i 35 anni, altezza minima 170 cm. E’ gradita esperienza teatrale o di danza, anche se non indispensabile. Il compenso lordo omnicomprensivo è di € 40 per ogni effettiva giornata di prova o recita. Le giornate minime garantite saranno 10, salvo causa di forza maggiore.

Saranno ammesse alla selezione le candidate scelte tra coloro che invieranno almeno una foto a figura intera di buona risoluzione e un curriculum vitae a selezioni2019@sferisterio.it entro il 23 marzo.

L’esito della preselezione e il luogo della selezione saranno comunicati entro il 26 marzo.

Si richiede disponibilità per l’intero periodo di prove, che va dal 24 giugno al 20 luglio, e per le quattro recite del 21 e 27 luglio, 2 e 9 agosto

Le prove e gli spettacoli si svolgeranno per tutto il periodo a Macerata presso le nostre sale prove e allo Sferisterio.

I partecipanti dovranno essere muniti di documento di identità e di codice fiscale. Per i candidati non appartenenti a Paesi membri dell’Unione Europea si richiede il possesso di regolare permesso di soggiorno che consenta lo svolgimento di attività lavorative senza limitazioni orarie, da presentare obbligatoriamente alla selezione.

Posted in News | Leave a comment

Neri Marcorè chiude il programma del Macerata Opera Festival 2019

crediti De Vincenzi

Pronto il programma completo del Macerata Opera Festival 2019: l’11 agosto chiusura con Neri Marcorè e il suo omaggio a Fabrizio De André

Lunedì 1 aprile presentazione-spettacolo al Teatro Lauro Rossi

Per conoscere nel dettaglio tutto il programma del festival allo Sferisterio, l’appuntamento è per lunedì 1 aprile al Teatro Lauro Rossi con “Questo festival è tuo”, l’ormai tradizionale presentazione-spettacolo con il sovrintendente Luciano Messi, la direttrice artistica Barbara Minghetti e la partecipazione di Fabio Sartorelli, didatta e pianista, che guideranno il pubblico attraverso i temi #rossodesiderio. Una serata in cui non mancheranno gli ospiti, i contributi video specifici e tante sorprese. Ingresso gratuito con prenotazione consigliata su www.sferisterio.it e in biglietteria (posti non numerati, assegnati in base all’ordine di arrivo in teatro).
 
Reso noto nel frattempo il protagonista della data di chiusura del festival: sarà l’artista marchigiano Neri Marcorè a salire sul palcoscenico dello Sferisterio per l’ultima serata 2019.Domenica 11 agosto (ore 21) Marcorè omaggerà Fabrizio De André, nel ventennale della sua scomparsa, con lo spettacolo “Come una specie di sorriso” – celebre verso del brano Il pescatore – vestendo i panni meno abituali del cantante e del chitarrista per un viaggio fra i successi del cantautore genovese. “Come una specie di sorriso” arricchisce il calendario dei concerti live del Macerata Opera Festival 2019 – che già comprende l’attesa esibizione di Loreena McKennitt il 24 luglio – e rappresenta una importante collaborazione territoriale con “RisorgiMarche”, il festival diffuso nato nel 2017 di cui Marcorè e direttore artistico.
 
Il titolo dello spettacolo rimanda alle più note canzoni del repertorio di De André, ma non mancheranno incursioni fra i brani meno celebri – proposti con gli arrangiamenti e l’orchestrazione di Stefano Cabrera –, per sottolineare l’attualità dei versi e l’impatto che ancora oggi possono avere sul pubblico. Un percorso dunque personale quello ideato da Marcorè, finalizzato ad una proposta d’ascolto che possa disegnare un ritratto del genovese non banale. Compagni di viaggio del concerto allo Sferisterio saranno lo Gnuquartet – composto da Francesca Rapetti (flauto), Roberto Izzo (violino), Raffaele Rebaudengo (viola) e Stefano Cabrera (violoncello) –, le voci di Flavia Barbacetto e Angelica Dettori con l’Orchestra dell’Accademia Reatina Teatro Musica (ARTeM) diretta da Carlo Moreno Volpini, oltre alla chitarra di Domenico Mariorenzi e le percussioni di Simone Talone.
Marcorè, vincitore nel 2003 del Nastro d’argento nella categoria miglior attore protagonista per il film Il cuore altrove, oltre che per le sue celebri imitazioni e per i suoi numerosissimi ruoli interpretati sia in teatro che in TV, è ideatore e direttore artistico di una delle iniziative più interessanti degli ultimi anni: “RisorgiMarche”, festival nato nel 2017 con l’obiettivo di creare nei territori marchigiani feriti dal terremoto dei momenti di aggregazione e di condivisione attraverso la musica, al quale hanno partecipato decine di artisti e migliaia di spettatori.
 
Neri Marcorè
Ha recentemente fatto parte del cast della fiction musicale più seguita e amata della tv, “Tutti pazzi per amore”, ma Neri Marcorè inizia la sua carriera giovanissimo muovendosi con disinvoltura nei vari settori del mondo dello spettacolo: radio, teatro e cinema. Tuttavia è la televisione a consacrarlo come uno dei mattatori del piccolo schermo grazie alle sue ironiche imitazioni ed al suo duttile estro artistico. Neri Marcorè nasce a Sant’Elpidio il 31 luglio del 1966. Frequenta a Bologna la Scuola Superiore per Traduttori studiando inglese e tedesco. Approda presto nel mondo dello spettacolo lavorando con il conduttore radiofonico e showman Giancarlo Guardabassi, tuttora proprietario della radio privata “Radio Aut Marche”. Nel 1988 debutta in tv ne “La Corrida”, in seguito compare nei varietà Rai: “Stasera mi butto”, condotto da Gigi Sabani, e “Ricomincio da due” con Raffaella Carrà.
Si cimenta anche come doppiatore prestando la voce al genio del quiz in “Producer, il grande gioco del cinema”, con Serena Dandini e Claudio Masenza. Nel 1993 inizia la sua carriera teatrale con “La finta malata di musica” di Carlo Goldoni”. Nel 1994 il debutto al cinema con “Ladri di cinema” di Piero Natoli, in concorso al Festival di Venezia. Negli anni successivi ottiene il massimo successo lavorando al fianco di Corrado e Sabina Guzzanti nella trasmissione “Pippo Chennedy Show” (1997) e ne “L’Ottavo nano” (2001). Tra i suoi impegni cinematografici: “Cosa c’entra con l’amore” (1997) e “Viol@” (1998); lavora nella miniserie tv “Cronaca nera” (1998) e nella pellicola “Due volte nella vita” (1998). Collabora con la Gialappa’s Band in “Mai dire gol” e conduce su Rai Tre il telequiz per giovani: ”Per un pugno di libri”. Nel 2001 è impegnato nella serie tv “La sfida” e nel film “Ravanello Pallido”. L’anno successivo compare ancora su grande schermo in “Bimba – È clonata una stella”, “Quasi quasi” e “Un Aldo qualunque”. Nel 2003 ottiene la sua prima nomination ai David di Donatello (Miglior attore protagonista)  per la pellicola “Il cuore altrove”, diretta da Pupi Avati. In seguito partecipa al film “Se devo essere sincera” (2004); doppia “Kate – La bisbetica domata” (2005).
Nel 2006, di nuovo diretto da Pupi Avati, guadagna una seconda nomination ai David Donatello (Migliore attore non protagonista) per la sua interpretazione ne “La seconda notte di nozze” (2005). A seguire: “L’estate del mio primo bacio” (2006) e “Baciami piccina” (2006). Nel frattempo è impegnato sul piccolo schermo nelle mini-serie tv “E poi c’è Filippo” (2006), accanto a Giorgio Pasotti, e in “Papa Luciani – Il sorriso di Dio” (2006). Nella successiva stagione 2006 – 2007 conduce, insieme a Riccardo Pandolfi, il programma satirico “Siamo se stessi”. Nel 2007 lavora accanto a Violante Placido nel film “Lezioni di cioccolato”; nel 2008 e nel 2010 è membro del cast della fiction “Tutti pazzi per amore”, che riscuote un grandissimo successo di critica e pubblico. Negli ultimi anni compare al cinema in “L’amore è un gioco” (2009), “Gli amici del bar Margherita”(2009), “I mostri oggi” (2009); presta la sua voce al film d’animazione “Up” ed interpreta Italo Calvino nel lungometraggio “Calvino cosmorama” (2010), diretto da Damian Pettingrew. Tra le sue imitazioni più celebri nel programma “Parla con me”, accanto alla Dandini: Luciano Ligabue, Antonio Di Pietro, Zapatero, Clemente Mastella, Jovanotti, Piero Fassino e Alberto Angela.
Nel 2008 continua la sua carriera teatrale a Roma debuttando con il nuovo spettacolo in onore di Giorgio Gaber: “Un certo Signor G.”. Dirige il Teatro delle Api di Porto Sant’ Elpidio. Dal 2008 al 2010 è protagonista dello spettacolo “Attenti a quei due” con Luca Barbarossa. Nella stagione 2010/2011 è protagonista insieme a Claudio Gioè di “Terra Padre”, un reading/spettacolo dai racconti di Roberto Saviano. Con Gioè è anche protagonista di “Eretici e Corsari”.Nel 2012 è nuovamente al cinema nel film francese diretto da Laurent Tirard “Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà”. In questa stagione va in onda anche la prima serie della fiction “Questo nostro amore”, 6 puntate per Rai1 ambientate nell’anno 1967. Nel conduce “NeriPoppins” su Rai 3, trasmissione di cui cura anche il soggetto e che consiste nella proposizione di cortometraggi e sketch surreali. Al cinema recita in “Mi rifaccio vivo” di Sergio Rubini.
Nel febbraio 2014 inizia la prima tournée dello spettacolo “Beatles Submarine”, insieme alla Banda Osiris, con la regia di Giorgio Gallione, cui segue una seconda tournée nell’autunno dello stesso anno. Sempre nel 2014, su Rai1, partecipa ai film “Una Ferrari per due” e “Una villa per due”, entrambi con la regia di Fabrizio Costa, e la seconda serie di “Questo nostro amore”, stavolta ambientata nell’anno 1970. Nel 2015 è protagonista nelle sale cinematografiche con ben tre film: “Sei mai stata sulla Luna?” di Paolo Genovese, “Leoni” di Pietro Parolin, con Piera Degli Esposti e “Latin lover” di Cristina Comencini. Tra il 2015 e il 2016 porta in scena con grande successo, insieme all’eclettico quartetto GnuQuartet, un nuovo spettacolo teatrale dedicato a Fabrizio De André dal titolo “Come una specie di sorriso”.

Posted in News | Leave a comment

Il Macerata Opera Festival alla ITB di Berlino per presentare #rossodesiderio

Il Macerata Opera Festival fa tappa a Berlino per promuovere #rossodesiderio 

Con la fiera del turismo berlinese lo Sferisterio rafforza la sua presenza nel mercato internazionale 
Berlino, Messe Berlin, 6-10 marzo 2019

Il Macerata Opera Festival raddoppia la sua presenza in Germania facendo tappa alla ITB di Berlino dopo la partecipazione dello scorso febbraio alla F.re.e di Monaco di Baviera. Ospite della Regione Marche, il MOF avrà l’opportunità di rivolgersi ai quasi duecentomila visitatori della ITB, di cui oltre la metà operatori del mondo del turismo provenienti da 180 paesi diversi, numeri che fanno della fiera della capitale tedesca il maggiore mercato d’affari dell’industria del turismo che si svolge in Germania.

Tante sono le opportunità che la fiera offre, come aree, mercati e proposte dedicate tra cui Travel Technology, ITB Trends & Events con Young Travel, ECOtourism e Experience Adventure, Cruises, Turismo e Cultura, e il mondo dell’editoria specializzata nel settore viaggi e turismo all’ITB-Buchwelt.

Quella di Berlino è l’ultima tappa di un vero e proprio tour che il Macerata Opera Festival ha compiuto fra le fiere più importanti di tutta Europa, con l’obiettivo di internazionalizzare la propria offerta culturale proponendo quello che è sempre più percepito come un brand di eccellenza nel settore della lirica. Lo dimostra la risposta da parte dei tour operator e delle agenzie di viaggio che già nelle prime ore di fiera hanno acquistato diversi pacchetti che comprendono l’esperienza allo Sferisterio all’interno del viaggio nelle Marche, sia per l’anno in corso che per il 2020. Al pubblico della fiera è stata proposta la 55edizione del festival e il tema #rossodesiderio al quale le opere in programmazione sono collegate: Carmen di Bizet, Macbeth e Rigoletto di Verdi, che si alterneranno sul palcoscenico dello Sferisterio dal 19 luglio all’11 agosto 2019.

Quest’anno #rossodesiderio è stato presentato, oltre che alla ITB Berlin, alla fiera Fr.e.e di Monaco, alla BIT di Milano, al World Trade Market di Londra e alla TTG di Rimini.

Posted in Senza categoria | Leave a comment

Avviso di audizione per n. 1 incarico di MAESTRO COLLABORATORE DI SALA

L’Associazione Arena Sferisterio indice un’audizione per n. 1 incarico di MAESTRO COLLABORATORE DI SALA.

La collaborazione si svolgerà nel periodo compreso tra il 12 giugno e l’11 agosto 2019; la durata dell’incarico, per l’intero periodo indicato o frazione di esso, sarà connessa alle esigenze della programmazione e produzione artistica.  Il compenso per la prestazione sarà indicativamente pari a € 3.000 lordi + iva.
La procedura è aperta a cittadini italiani e della U.E.

  1. REQUISITI DI AMMISSIONE

I requisiti richiesti per l’ammissione all’audizione sono i seguenti:
a) aver compiuto il 18° anno d’età e non aver superato il 35° anno d’età;
b) essere in possesso della cittadinanza italiana o di altro paese dell’Unione Europea;
c) essere incensurato;
d) essere in possesso del diploma di pianoforte, minimo triennio di I livello o diploma vecchio ordinamento, conseguito presso un Conservatorio o Istituto Superiore di Studi Musicali, ovvero di titolo equipollente qualora conseguito all’estero;
e) essere fisicamente idoneo allo svolgimento della mansione.
I requisiti per l’ammissione all’audizione debbono essere posseduti dai candidati alla data di scadenza di presentazione della domanda di ammissione.

  1. DOMANDA DI AMMISSIONE ALL‘AUDIZIONE

La domanda di ammissione all’audizione dovrà essere inviata tramite posta certificata (PEC) all’indirizzo sferisterio@pec.it, con oggetto: “Audizione per MAESTRO COLLABORATORE DI SALA” entro e non oltre il 31 Marzo 2019.
Non si terrà conto delle domande ricevute dopo il termine sopra indicato.
Si precisa che farà fede la data della ricevuta di accettazione e di avvenuta consegna del messaggio rilasciate dal gestore il servizio di posta elettronica.
Nella domanda il candidato dovrà dichiarare, sotto la propria personale responsabilità:
a) cognome, nome, luogo e data di nascita;
b) codice fiscale (per cittadini italiani);
c) luogo di residenza con precisa indicazione del domicilio;
d) indirizzo di posta elettronica/PEC e recapiti telefonici;
e) cittadinanza (italiana o di paese appartenente aIl’U.E.);
f) di essere fisicamente idoneo allo svolgimento della mansione, in sede e fuori sede, di Maestro di sala;
g) titolo/i di studio (autocertificazione ai sensi del Dpr 445/00);
h) di possedere tutti i requisiti di ammissione indicati al punto 1 del presente bando alla data del 31 Marzo 2019.
La mancanza anche di una sola delle dichiarazioni richieste comporterà la non ammissione all’audizione.
Non avranno diritto all’eventuale incarico gli aspiranti le cui dichiarazioni dovessero risultare inesatte o non integralmente rispondenti al vero.
La domanda di ammissione dovrà essere firmata dal candidato.
Alla domanda dovranno essere allegati copia del documento d’identità e il curriculum vitae del candidato in formato Europeo.
L’Associazione Arena Sferisterio è comunque esentata da qualsiasi responsabilità in caso di irreperibilità del candidato al recapito indicato nella domanda di ammissione, o in caso di dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione dello stesso.
L’assenza alla sessione d’esame sarà, in ogni caso, considerata come rinuncia all’audizione.
La domanda di ammissione all’audizione implica l’impegno, da parte del candidato, di accettare incondizionatamente il giudizio insindacabile della Commissione giudicatrice.
La non ammissione alle prove di esame per difetto dei requisiti richiesti o per mancata osservanza delle modalità e dei termini stabiliti dal presente bando, viene resa nota al candidato mediante comunicazione scritta.
Il presente bando vale come convocazione per l’audizione, pertanto l’Associazione NON invierà ai candidati conferma dell’avvenuto ricevimento della domanda di ammissione.
L’ammissione alle prove d’esame NON sarà pertanto comunicata individualmente a ciascun candidato.
I candidati che abbiano fatto domanda d’ammissione e non abbiano ricevuto risposta negativa s’intendono automaticamente convocati alle prove d’esame.

  1. PROVE D’ESAME

I candidati ammessi all’audizione dovranno presentarsi alle prove d’esame muniti di un valido documento di riconoscimento.
Le prove d’esame si svolgeranno il giorno 17 aprile 2019 alle ore 10.00 presso il Teatro Lauro Rossi di Macerata sito in Piazza della Libertà, e potranno protrarsi anche in giornate successive a quelle previste dal bando in base al numero di candidati ammessi previa comunicazione diretta ai candidati.
La commissione giudicatrice potrà, a suo insindacabile giudizio, chiedere ai candidati l’esecuzione di tutto o di parte del programma d’esame, e si riserva di richiedere ai candidati l’effettuazione di ulteriori prove musicali integrative anche in data successiva a quella di convocazione.

  1. PROGRAMMA D’ESAME

L’audizione consisterà in:
– esecuzione di un brano a scelta del candidato del repertorio pianistico dalla durata massima di 10 minuti;
– esecuzione al pianoforte accennando la parte vocale dei solisti e del coro di almeno 1 opera di G. Puccini scelta dal candidato su indicazione di alcune specifiche pagine indicate al momento dalla commissione;
– esecuzione al pianoforte sotto direzione, accennando la parte vocale anche del coro di parti indicate al momento dalla commissione delle seguenti opere:
      –  G.Verdi “Macbeth”
      –  G.Verdi “ Falstaff” II atto – II scena
– lettura a prima vista

  1. COMMISSIONE GIUDICATRICE

La commissione giudicatrice, nominata dall’Associazione Arena Sferisterio, sarà composta dai seguenti membri:
– Mº Francesco Lanzillotta (direttore musicale del  Macerata Opera Festival);
– Mº Gianfranco Stortoni (direttore musicale di palcoscenico e segretario artistico del Macerata Opera Festival);
– Mº Simone Savina (vocal coach).

  1. GRADUATORIA IDONEI

Al termine delle prove d’esame la Commissione giudicatrice stabilirà una graduatoria degli idonei. II giudizio della Commissione è insindacabile.
L’Associazione si riserva la facoltà di non procedere all’avvio della collaborazione qualora non risultino candidati idonei in sede di audizione.

  1. DISPOSIZIONI FINALI

Ai partecipanti all’audizione non compete alcuna indennità o rimborso per spese di viaggio e soggiorno.

  1. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E CONSENSO

Ai sensi del Regolamento UE 2016/279, detto anche GDPR (e delle conseguenti norme nazionali di adeguamento dettate con il d.lgs. n. 101 del 2018) l’Associazione Arena Sferisterio in qualità di titolare del trattamento tratterà i dati personali conferiti dai candidati con modalità informatiche e telematiche (ad esempio, utilizzando procedure e supporti elettronici) nonché manualmente (ad esempio, su supporto cartaceo), esclusivamente per le finalità di gestione dell’audizione nonché, successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, per le finalità inerenti alla fase precontrattuale e alla eventuale successiva gestione del ruolo medesimo. La presentazione della domanda di ammissione all’audizione implica il conferimento del consenso espresso al trattamento dei dati da parte del candidato. Il conferimento dei dati è obbligatorio, e il mancato conferimento non consente al titolare di svolgere l’attività di gestione dell’audizione ai fini di valutazione dei requisiti di partecipazione e dell’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, e comporta dunque l’esclusione dall’audizione. I dati saranno trattati per tutto il tempo necessario alla conclusione del procedimento di audizione e allo svolgimento dell’attività in questione; successivamente alla conclusione del procedimento di audizione e alla cessazione dell’attività in questione, i dati saranno conservati in conformità alle norme sulla conservazione della documentazione amministrativa. I dati saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori del titolare e potranno essere comunicati ai soggetti espressamente designati come responsabili del trattamento. Potranno essere comunicati ad altri soggetti a cui i dati devono essere obbligatoriamente comunicati per dare adempimento ad obblighi di legge o regolamento. Al di fuori di queste ipotesi i dati non saranno comunicati a terzi né diffusi, se non nei casi specificamente previsti dal diritto nazionale o dell’Unione europea. In qualità di interessato, Lei ha il diritto di chiedere al Titolare l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento o di opporsi al trattamento medesimo (artt. 15 e seguenti del GDPR) e, infine, il diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo (il Garante per la Privacy) secondo le procedure previste. Lei ha il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente sul trattamento automatizzato, compresa la profilazione, che produca effetti giuridici che La riguardano o che incida in modo analogo significativamente sulla Sua persona, salvi i casi previsti dal RGPD. I contatti del Responsabile della protezione dei dati (RPD) sono i seguenti: info@isdif.it.

scarica l’avviso

Posted in Senza categoria | Leave a comment