Iscriviti alla newsletter

TRA NATURA E CULTURA: PERCORSI DI EQUILIBRIO E ARMONIA

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria

Un ciclo di conferenze a cura di Life Strategies

23 luglio

OLTRE I LIMITI DELLA PAURA

Orto dei Pensatori, via Antonio Illuminati, Macerata, ore 21:00

Il segreto della perfetta armonia tra mente e natura

Nulla è più desiderato dagli uomini che la perfetta armonia tra mente e natura. Sin dall’antichità sappiamo che non possiamo conoscere l’Universo se prima non impariamo a conoscere noi stessi. La ricerca della verità è, al tempo stesso, la ricerca del vero sapere e del modo migliore per vivere. Ma vivere in armonia con la natura, vuol dire anche saper vivere la propria natura! La Psicoterapia Breve Strategica ha permesso di sbloccare ciò che la mente intrappola, dando al paziente la possibilità di sviluppare un percorso sano della vita e della personalità. Un approccio che risulta essere il più efficace e rapido per la soluzione di fobie, ossessioni, panico, disordini alimentari e che, nella sua declinazione di “Problem Solving” strategico, ha già trovato vasta applicazione in campo manageriale, educativo e sociale. La capacità di percepire la realtà in maniera completamente nuova rende l’uomo in grado di andare oltre i propri limiti mentali e fisici. Ne risulta un modello teorico e pratico al contempo, utile guida per tutti coloro che vogliono assumersi la responsabilità del cambiamento per migliorare l’ecologia dell’ambiente e l’ecologia della mente.

Giorgio Nardone è uno degli esponenti di maggior spicco della Scuola di Palo Alto: tra i suoi principali contributi l’ideazione della Terapia Breve Strategica. Le sue scoperte in ambito scientifico e applicativo rappresentano una vera e propria “scuola di pensiero” alla quale si ispirano studiosi, terapeuti e manager di tutto il mondo. Le sue ricerche e la prolungata esperienza pratica lo hanno condotto a formalizzare due originali Modelli operativi: la Terapia Breve Strategica® per il trattamento di gravi patologie psichiche e comportamentali in tempi brevi ed il Problem Solving & Coaching Strategico®, caratterizzato dalla capacità di fornire interventi efficaci dove la razionalità e le tecniche ordinarie non sono in grado di ottenere soluzioni a problemi personali e interpersonali. È autore di oltre 30 libri di successo tradotti in oltre 10 lingue.

30 luglio

LA SPERANZA NELLA CURA DEL PERDONO

Palazzo Conventati, via del Convitto, Macerata, ore 21:00

Come prendersi cura del proprio giardino interiore

Saper donare e sapersi donare sono le qualità che permettono ai miracoli di accadere nella nostra vita. Veri e propri strumenti per apprendere come guarire dall’indifferenza verso la bellezza dell’esistenza e curare quella cecità che ci impedisce di vederla quando la si incontra. Un’esperienza totalizzante, che è un modo di essere e camminare, un processo di realizzazione che appartiene ad ogni individuo indipendentemente dal suo credo e ruolo sociale. Chi si dona o impara a donare sviluppa un’empatia matura, che sa esprimere e celebrare una rinnovata cultura della pace. Il “perdono” diventa allora il perno di nuova educazione alla felicità, capace di avere effetti positivi sulla salute, il benessere e la qualità della vita. Nella formazione dei nuovi leader come in quella delle nuove generazioni il perdono irrompe nelle coscienze e segna positivamente l’itinerario esistenziale di ogni uomo, restituendo a ciascun ciclo le sue naturali cadenze. Farne esperienza vuol dire aprire le porte al cambiamento che si fa speranza e progetto, perché la felicità, in definitiva, non dipende da cosa abbiamo o facciamo, ma dalla consapevolezza di ciò che siamo.

Scrittore, ricercatore e docente universitario, Daniel Lumera è considerato un riferimento a livello internazionale nelle scienze del benessere e negli studi sulla consapevolezza. È stato responsabile dell’area cultura e sviluppo presso UNESCO Club per la Protezione del Patrimonio Immateriale e unico ricercatore italiano selezionato nel 2013 per pubblicare nel Report Mondiale sull’Educazione Superiore della Global University Network for Innovation dell’UNESCO. I suoi studi hanno permesso di definire programmi oggi applicati a livello internazionale nell’alta formazione del personale medico e sanitario, negli istituti penitenziari, nelle università, in aziende pubbliche e private. La Giornata Internazionale del Perdono, da lui ideata, nel 2017 ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica italiana. Il suo ultimo libro L’arte di far succedere le cose è edito da Roi Edizioni.

6 agosto

COME NATURA COMANDA

Palazzo Conventati, via del Convitto, Macerata, ore 21:00

Un percorso alla riscoperta di noi stessi e del nostro corpo

All’origine il nostro corpo era perfetto. Nasceva in natura e con essa viveva in totale armonia per tutto il tempo della sua esistenza. L’allontanamento dalla semplicità, nella quale è sovente racchiusa la soluzione di molti nostri mali, e la perdita di equilibrio dei quattro “distretti” (schiena, piedi, intestino e atteggiamento), ha provocato la progressiva sottrazione delle attitudini indispensabili al benessere fisico e mentale, conducendoci ad un’esistenza al limite delle sue possibilità. Per recuperare e mantenere armonia e funzionalità fisica occorre non renderle il fine delle nostre ricerche, ma la conseguenza di azioni che fanno parte dell’essere umano da sempre. Tali azioni sono quelle definite dal metodo S.P.I.A., con cui si può raggiungere incredibili traguardi sportivi e sfruttare a pieno le proprie potenzialità. La “perfezione esiste” in natura, basta solo avere gli strumenti per raggiungerla. Per far esplodere il proprio potenziale occorre ripartire dall’istinto primitivo.

Max Calderan è l’unico uomo al mondo che è stato in grado di sopravvivere nel deserto in perfetta solitudine, in autosufficienza alimentare e senza assistenza medica. Ha percorso in solitaria il deserto del Qatar, il sultanato dell’Oman e gli Emirati Arabi a una temperatura media di 50 gradi, dormendo 10 minuti ogni tre ore. L’ultima sua impresa è stata attraversare il Tropico del Cancro, dagli Emirati Arabi all’Oman, in condizioni climatiche estreme, percorrendo 340 chilometri a piedi in 5 giorni. Insignito della Medaglia al Valore civile dal Presidente della Repubblica Italiana, Ambasciatore ONU in Iran e nominato dal Presidente Palestinese Abu Mazen Ambasciatore di Pace nelle relazioni interreligiose e interculturali. L’emittente internazionale Al Jazeera lo ha consacrato come “The Son of the Desert”, con un documentario a diffusione mondiale.

Le date

  • Lunedì 23 LUG ore 21:00

    "Oltre i limiti della paura"

  • Lunedì 30 LUG ore 21:00

    "La speranza nella cura del perdono"

  • Lunedì 6 AGO ore 21:00

    "Come natura comanda"

La prenotazione garantisce l’ingresso entro le ore 20.45
Gli incontri sono a cura di
unnamed
ROI EDIZIONI1