Iscriviti alla newsletter

Graham Vick: debutto allo Sferisterio con una nuova produzione del Flauto magico

Il 2018 sarà #verdesperanza.

I temi attorno ai quali si snoderà la programmazione artistica della prossima estate sono quelli del verde, dell’ecologia e della sostenibilità, per un’arte della “speranza” che operi gettando nuovi semi per un futuro migliore e che intrattenga, fra l’altro, uno stretto rapporto con altre realtà che si occupano di questi temi, dialogando intorno alla sostenibilità tramite l’interazione tra cultura, natura territorio.

Scopri di più su #verdesperanza

Da queste premesse nasce il nuovo allestimento del Flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart, firmato da uno dei registi più impegnati e innovativi del nostro tempo, l’inglese Graham Vick che – per questo suo debutto allo Sferisterio – presenterà al pubblico uno spettacolo in cui lo scenario naturale, pregno di speranza, si contrapporrà a quello della quotidianità caratterizzato dell’usura delle risorse, dall’inquinamento, coinvolgendo poi i cittadini in un workshop che li renda protagonisti sul palcoscenico.

Scopri di più sul progetto

Il direttore Daniel Cohen e i protagonisti Giovanni Sala (Tamino), Valentina Mastrangelo (Pamina), Guido Loconsolo (Papageno), giovani e già affermati specialisti mozartiani, sono solo alcuni dei nomi cui sarà affidata questa nuova interpretazione del capolavoro mozartiano in coproduzione con il Palau de Les Artes Reina Sofía di Valencia.

Graham Vick: biografia

Graham Vick è direttore artistico della Birmingham Opera Company. Collabora con i principali teatri del mondo fra cui la Scala di Milano, il Metropolitan di New York, il Covent Garden di Londra. Fra le sue regie di maggior successo ricordiamo Macbeth e Otello (Teatro alla Scala, anche in tournée in Giappone), Moses und Aron e Il trovatore (Metropolitan), La dama di picche (Chicago), Don Carlos (Opéra Bastille Parigi), Ernani (Staatsoper di Vienna), Rigoletto (Madrid, Palermo e Firenze), La traviata e Anna Bolena (Verona), Die Zauberflöte (Salisburgo), Manon Lescaut (Venezia).

Frequentatore assiduo del teatro wagneriano, se ne ricordano Tannhäuser (San Francisco), Parsifal (Parigi), Meistersinger (Londra) e Tristan und Isolde (Berlino), Der Ring des Nibelungen (Palermo). Portano la sua firma numerose creazioni contemporanee e prime mondiali fra cui Outis di Luciano Berio alla Scala (1996), Life is a Dream di Jonathan Dove e Mittwoch aus Licht di Stockhausen per la Birmingham Opera Company.

Progetti recenti: Graham Vick e lo Stiffelio

Fra i più recenti e futuri progetti Morgen und Abend di Haas a Londra e Berlino, Death in Venice di Britten a Berlino, Hipermestra a Glyndebourne, Stiffelio al Festival Verdi di Parma, La bohème a Bologna, Die tote Stadt alla Scala e Semiramide a Pesaro.

Cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere in Francia, è professore onorario di musica alla Birmingham University, Visiting Professor foto Opera Stidies all’Universita di Oxford (2002-03, 2014-15), nel 2009 ha ricevuto il titolo di Commander of the Order of the British Empire e dal 2016 è membro onorario della Royal Philharmonic Society. Ha ricevuto sei volte il Premio Abbiati fra cui negli ultimi anni nel 2010 per Die Gezeichneten di Schrecker al Teatro Massimo e, nel 2012, ancora una volta per Mosé in Egitto di Rossini a Pesaro, quindi per Das Rheingold al Teatro Massimo (2013). Fra gli altri riconoscimenti anche il South Bank Show Award per l’opera lirica nel 1999 e nel 2002 e il premio spagnolo “Campoamor”.

Daniel Cohen, direttore principale della Jersey Chamber Orchestra e direttore musicale della Eden Sinfonia di Londra, con la quale ha fatto il suo debutto alla Queen Elizabeth Hall, ed è anche direttore artistico dell’Ensemble Gropius che si è specializzato in una sintesi di musica e teatro, in collaborazione con Itay Tiran. Nel 2010 è stato nominato direttore ospite permanente dell’Israel Chamber Orchestra. Dopo la laurea (studi sostenuti dalla Fondazione culturale israelo-americana) in direzione d’orchestra alla Royal Academy of Music di Londra, si è classificato al primo posto, rispettivamente nei concorsi di Admont International Conducting Competition ed Aviv Competitions. Recentemente, ha ricevuto il terzo premio al concorso di direzione d’orchestra “Evgeny Svetlanov”.
È assistente di Daniel Barenboim alla WestEastern Divan Orchestra, con cui ha collaborato nella preparazione del ciclo di sinfonie di Beethoven, nonché di grandi opere di Schönberg e Boulez. È stato assistente di Pierre Boulez all’Accademia del Festival di Lucerna, dove ha preso parte ai suoi corsi di perfezionamento in direzione d’orchestra, quindi ha partecipato al progetto “Pierre Boulez’s composer” sempre al Festival di Lucerna.
Ha diretto orchestre quali la Filarmonica di Israele, l’Orchestre National de Montpellier, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, la Kammerphilharmonie Graz, la Sinfonica di Kiev, la Jerusalem Symphony l’Orchestra Sinfonica di Lucerna. La sua agenda lo vede impegnato anche la Oxford Philomusica, l’Orchestra Internazionale d’Italia e l’Orchestra da camera dell’Unione europea. In ambito teatrale ha diretto fra l’altro La dama di picche, Lady Macbeth di Mzensk, La Cenerentola per l’Israeli Opera Studio, A Midsummer Night’s Dream al Teatro Massimo, La traviata, Così fan tutte, Don Giovanni e Il flauto magico, Lucia di Lammermoor alla Deutsche Oper di Berlino.

Scopri di più

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy. Leggi +

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi